lunedì 24 Gennaio 2022

Acquista

Login

Registrati

Logistica verde, soluzioni possibili per rendere più sostenibili i trasporti

Quali saranno le tecnologie, i mercati e le infrastrutture del futuro? Risposte devono arrivare anche dal mondo ambientalista. Per fermare il consumo di suolo indiscriminato e puntare su nuovi scali ferroviari, ricariche elettriche, biometano e idrogeno verde 

È confronto aperto, in questi mesi, tra gli operatori della logistica e del trasporto merci e gli investitori immobiliari del settore industriale, per comprendere quali saranno le tecnologie, i mercati e le infrastrutture del prossimo futuro. Un confronto al quale siamo stati sollecitati a dare il nostro contributo anche noi ambientalisti. Soprattutto a causa del “consumo di suolo” che non solo le strade, ma anche capannoni, piazzali e parcheggi provocano attorno ai nodi del traffico e alle grandi aree metropolitane, sostituendo campi agricoli e aree verdi. La speculazione non si ferma neppure di fronte ai capannoni vuoti, alle aree dismesse da decenni, bonificate o meno. La “speranza” è che magari qui potrebbe arrivare Amazon, o un nuovo centro commerciale.

Il ruolo centrale di chi amministra i territori

Chiamati in causa, i grandi marchi spesso ci scansano: se costa poco, se il Comune non chiede troppo, se non ci sono ricorsi, bene. Altrimenti il capitale, come noto, è “errante” e troverà nuovo territorio ad accoglierlo. Per ciò che concerne i piani, territoriali o di trasporto, le Regioni hanno smesso di farli: come sulla sanità, hanno abdicato al loro ruolo costituzionale. Ma allora dove e come organizzare la nuova domanda di trasporto che e-commerce e consegne a domicilio indotte dall’epidemia hanno contribuito a incrementare esponenzialmente? Non basta in prossimità di caselli autostradali, c’è bisogno di scali ferroviari. Con i soldi europei non si potranno più fare autostrade e bretelle stradali, ma solo strade ferrate elettrificate, scali ferroviari, infrastrutture per ricariche elettriche: in alcuni casi a biometano, forse tra dieci anni a idrogeno “verde”, cioè tutto rinnovabile. È quel che si sta pensando ad esempio a Piacenza e Castel San Giovanni, ripristinando la linea ferroviaria che collega i due centri logistici, potenziando i treni merci per Genova e lungo le direttrici nazionali. Ma a Piacenza c’è uno straccio di autorità (Comune, Provincia e Regione) capaci di guidare il percorso con impegni, piani, amministrazione coerente e pluriennale?

Con i soldi europei non si potranno più fare autostrade e bretelle stradali, ma solo strade ferrate elettrificate, scali ferroviari, infrastrutture per ricariche elettriche: in alcuni casi a biometano, forse tra dieci anni a idrogeno “verde”, cioè tutto rinnovabile

L’alternativa fondamentale dei porti verdi

Altro capitolo centrale è quello dei porti, vero nuovo ingresso (insieme agli aeroporti) del traffico merci che entra in Italia e in Europa. C’è un nuovo e forte impegno europeo per i “porti verdi”, per elettrificare le banchine e spegnere i motori delle navi quando attraccano. È una direzione verso cui si sta muovendo Legambiente in accordo con Enel X e altri operatori. Ma occorre che le Autorità portuali favoriscano esclusivamente le navi che si adegueranno alle nuove tecnologie, e che tutti i porti europei diventino a zero emissioni.

In generale, la sfida è quella di ridisegnare gli scali ferroviari esistenti, farne di nuovi nei porti, ottimizzando gli spazi e il consumo di suolo ospitando una logistica di trasformazione finale dei prodotti, digitalizzando tutti i flussi, ottimizzando i carichi e usando sempre di più solo energie rinnovabili nel traffico merci. La logistica si trasformerà così in industria “capital intensive” e avrà bisogno di lavoratori sempre più qualificati. Oggi invece, anche le consegne a domicilio, avvengono spesso con camion Euro 4 inquinanti, perché su questi è possibile truccare il vecchio cronotachigrafo che controlla i tempi di guida degli autisti. Così cresce lo sfruttamento del lavoro e l’insicurezza sulle strade.

La logistica si trasformerà in industria “capital intensive” e avrà bisogno di lavoratori sempre più qualificati. Oggi invece, anche le consegne a domicilio, avvengono spesso con camion Euro 4 inquinanti, perché su questi è possibile truccare il vecchio cronotachigrafo che controlla i tempi di guida degli autisti. Così cresce lo sfruttamento del lavoro e l’insicurezza sulle strade.

Per il futuro le pubblicità di Amazon promettono 100 mila furgoni elettrici alimentati con generatori eolici, ma al 2040. Potrebbe farcela anche prima, soprattutto se Comuni e Regioni, a cui spetta la pianificazione territoriale, bloccheranno ogni nuova speculazione su terreni agricoli. In sostanza, un giusto trasporto, senza sfruttamento, senza incentivi dannosi (gasolio) e senza inquinamento e consumo di suolo ha anche un giusto costo.

Ti potrebbe interessare anche
Porti verdi per la decarbonizzazione
Le emissioni del settore potrebbero aumentare tra il 50% e il 250% entro il 2050 e compromettere gli obiettivi dell’accordo di Parigi. Cambiare rotta è possibile, come spiega il report di Legambiente ed Enel X

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,812FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Ridimensiona font
Contrasto