sabato 19 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Locuste in Africa, Fao: progressi nella lotta all’invasione ma allarme sicurezza alimentare

Invasione di locuste in Africa, 2020

Qu Dongyu, Direttore Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO)  ha dichiarato che sono stati fatti notevoli progressi nella lotta contro la recrudescenza delle locuste in Africa orientale e nello Yemen.  Ha però sottolineato la necessità di impegnarsi per scongiurare la crisi per la sicurezza alimentare; infatti, è in corso la stagione delle piogge, che fornisce mezzi di sussistenza ad agricoltori e pastori, ma crea anche condizioni favorevoli alla riproduzione delle locuste. 

Nel lanciare il rapporto della FAO sui progressi delle attività di monitoraggio delle locuste in Africa orientale e nello Yemen, ieri il Direttore Generale ha confermato che le attività di monitoraggio e controllo dell’Agenzia delle Nazioni Unite sono andate avanti nonostante i vincoli imposti dal Covid-19.

Le stime preliminari della FAO indicano che 720.000 tonnellate di cereali, sufficienti a sfamare per un anno cinque milioni di persone, sono state messe in salvo in dieci paesi, il che ha impedito che la diffusione delle locuste potesse danneggiare molti altri ettari di terra. Altre 350.000 famiglie di pastori sono state messe al riparo da questo pericolo.

“I nostri progressi sono stati notevoli, ma la battaglia è lunga e non è ancora finita”, ha aggiunto Qu. “Nei prossimi mesi un maggior numero di persone rischierà di perdere i mezzi di sussistenza, aggravando lo stato della sicurezza alimentare”.

Ora molti appezzamenti di terra coltivata sono relativamente liberi dal vorace parassita, ma si è riprodotta la prima ondata di sciami; si aspetta la seconda ondata a giugno, quando gli individui passeranno dalla fase giovanile a quella adulta, sollevandosi in volo nel momento critico in cui molti agricoltori dell’Africa orientale si preparano al raccolto.

La locusta è considerata il parassita migratorio più micidiale del mondo e un solo sciame che copre un chilometro quadrato può essere composto da 80 milioni di esemplari. L’appello sulle locuste lanciato dalla FAO a gennaio riguarda ora 10 paesi: Gibuti, Eritrea, Etiopia, Kenya, Somalia, Sud Sudan, Sudan, Tanzania, Uganda, Repubblica Unita di Tanzania e Yemen.

La recrudescenza in corso è particolarmente allarmante nella più vasta regione dell’Africa orientale, in quanto le previsioni pubblicate di recente nel Rapporto Globale sulle Crisi Alimentari indicano che nella seconda metà del 2020 oltre 25 milioni di persone saranno esposte a insicurezza alimentare acuta. Nello Yemen, dove le locuste si riproducono nelle impervie zone interne, altri 17 milioni di persone sono esposte a insicurezza alimentare acuta.  Queste stime sono state fatte prima della comparsa del Covid-19 in una regione già afflitta dall’insicurezza alimentare acuta.

“Possiamo e dobbiamo proteggere le persone vulnerabili dalle conseguenze di molteplici crisi: conflitti, eventi climatici estremi, locuste e il Covid-19, che minacciano un ulteriore e drammatico peggioramento della loro sicurezza alimentare”, ha detto Qu. “Per farlo, dobbiamo intensificare ulteriormente i nostri sforzi e concentrarci non solo sul monitoraggio, ma anche sul sostegno ai mezzi di sussistenza degli agricoltori e dei pastori, in modo che possano superare questa fase”.

Il rapporto indica che da quando a gennaio la FAO ha lanciato la sua risposta alle locuste, il suo appello è stato finanziato con 130 milioni di dollari. Tuttavia i finanziamenti si sono concentrati sulle attività di monitoraggio delle locuste ed è necessario un sostegno molto maggiore per le attività di supporto ai mezzi di sussistenza. Qu ha ringraziato i leader politici dei paesi colpiti per i loro sforzi nel mobilitare personale e risorse e nel collaborare a stretto contatto con la FAO per progettare, monitorare e implementare le attività di controllo. 

Mentre le attività di monitoraggio e controllo delle locuste sono guidate dai governi nazionali, la FAO fornisce supporto strategico sotto forma di pesticidi, biopesticidi, attrezzature, velivoli e formazione.

Quest’anno nei dieci paesi inclusi nell’appello della FAO sono stati controllati finora oltre 365.000 ettari di terra.

Mentre i governi continuano a incrementare i loro sforzi per controllare la recrudescenza in corso con il sostegno della FAO, le condizioni rimangono estremamente favorevoli alla riproduzione delle locuste e richiederanno sforzi massicci e geograficamente estesi.  La versione rivista dell’appello, che sarà lanciata nelle prossime settimane, dovrebbe cercare risorse anche per la Repubblica Islamica dell’Iran e per il Pakistan, che stanno affrontando le invasioni di locuste, e intensificare gli sforzi di preparazione nella regione del Sahel, che potrebbe essere anch’essa colpita.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Traffico illecito di rifiuti: 29 arresti in Calabria

Custodia cautelare in carcere per quindici degli indagati, domiciliari per gli altri. L'operazione diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

La siccità rischia di essere “la prossima pandemia”

Ad affermarlo è l'Onu in un nuovo report. Almeno 1,5 miliardi di persone sono state direttamente colpite in questo secolo con un costo stimato di 124 miliardi di dollari

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

“Tra le pagine del mare”, il concorso letterario che racconta le località costiere italiane

L'iniziativa è organizzata dall’Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani di Legambiente, in collaborazione con Primiceri Editore. Saranno selezionati brevi racconti inediti, ambientati nei centri del nostro Paese affacciati sul mare

Dal 18 al 27 giugno il Decrescita Felice Bike Tour 2021

La manifestazione è alla sua sesta edizione. Un percorso di 300 km a tappe per amanti delle due ruote organizzato da Movimento per la Decrescita Felice e Altri Mondi Bike Tour

Roma, il Festival circolare alla Città dell’altra economia

Dal 16 al 18 giugno in mostra i protagonisti e le esperienze del progetto di educazione alla cittadinanza globale “Metti in circolo il cambiamento”. Spazio alle tredici idee vincitrici e alle esperienze di imprenditoria circolare

Sos tartarughe marine

Legambiente lancia un numero unico per raccogliere le segnalazioni di tracce o di piccoli di tartaruga sui litorali italiani. Un invito a mobilitarsi in modo semplice, inviando un messaggio whatsApp o un sms al 349 2100989
Ridimensiona font
Contrasto