domenica 19 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Locuste, in Africa Orientale rischio insicurezza alimentare per 13 milioni di persone

Locuste Africa Orientale

Da settimane ondate di locuste stanno letteralmente invadendo l’Africa Orientale. Un’emergenza definita senza precedenti dalla Fao, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao), che sta già mettendo a serio repentaglio la sicurezza alimentare e i mezzi di sussistenza dei Paesi della regione dell’Africa Orientale: Kenya, Etiopia, Somalia, Uganda e Sud Sudan, con potenziali contagi anche per Sudan ed Eritrea. A restare in allerta sono anche Paesi del continente asiatico: l’Arabia Saudita in primis, confinante con lo Yemen da cui si sono spostati in Africa i primi sciami attraversando il Mar Rosso, ma anche l’Iran, il Pakistan e l’India.

Il timore è che la situazione possa degenerare ulteriormente in vista dell’arrivo della prossima estate. Sempre secondo la Fao a giugno il numero di cavallette in questi Paesi potrebbe infatti aumentare in modo esponenziale, fino a 500 volte. “La velocità della diffusione dei parassiti e la dimensione delle infestazioni sono oltre la norma e hanno portato al limite le capacità delle autorità locali e nazionali”, ha comunicato in proposito la Fao.

“Ci sono 13 milioni di persone in quei Paesi che sono in una situazione di insicurezza alimentare ora e di questi 10 milioni sono in zone colpite dalle locuste – ha dichiarato Mark Lowcock, sottosegretario generale per gli Affari umanitari dell’Onu che ha fatto stanziare 10 milioni di dollari di fondi per frenare la crisi. “A meno che non ci sia una risposta rapida, avremo un grosso problema più avanti nel corso dell’anno”, ha aggiunto.

Dietro questi diffusi sciami di cavallette ci sono le forti piogge che alla fine del 2019 hanno creato le condizioni ideali per far prosperare i parassiti. L’invasione delle locuste appare al momento inarrestabile: gli insetti possono infatti percorrere fino a 150 chilometri al giorno, arrivano a mangiare quotidianamente una quantità di cibo equivalente al proprio peso e, dove attecchiscono, si riproducono a grandissima velocità. Per il momento il tentativo di arginare questa avanzata, spruzzando sulle aree colpite insetticidi da appositi velivoli, non sta sortendo gli effetti sperati.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Sicilia Carbon Free: la presentazione del Rapporto Isole Sostenibili

Energia, acqua, economia circolare, mobilità: le sfide per le isole minori italiane tra cambiamenti climatici e pressione turistica. Appuntamento oggi, sabato 18 settembre, alle 9.30 allo Stabilimento Florio di Favignana, oppure in diretta su questa pagina e su La Nuova Ecologia con la seconda tappa di Sicilia Carbon Free

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Punta Campanella, nate 82 tartarughe marine sulla spiaggia di Maiori

Con questa schiusa, la conta dei nidi di Caretta caretta in Campania sale a quota 52. Un anno da record storico

I Comuni al centro della pianificazione urbana nella sfida all’emergenza climatica

Se ne parla il 17 settembre a Campi Bisenzio a un convegno organizzato da Legambiente nell'ambito del Festival dell'Economia Civile

Venezia78, il premio Green Drop Award al film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino

A premiare le produttrici Piera Boccacciaro e Chiara Cerretini è stato Lino Banfi, che ha ricevuto la Goccia Blu insieme a Ronn Moss
Ridimensiona font
Contrasto