domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Lockdown in Gran Bretagna, diminuisce l’inquinamento luminoso

Nella costellazione di Orione sono state viste trenta o più stelle: si tratta della cifra più alta dal 2013. L’illuminazione umana del pianeta sta crescendo di circa il 2% l’anno

Il numero di stelle visibili nei cieli sopra la Gran Bretagna è aumentato nel conteggio annuale di quest’anno, indicando una diminuzione dell’inquinamento luminoso durante il lockdown. Trenta o più stelle nella costellazione di Orione, che indicano cieli veramente bui, sono state viste dal 5% dei partecipanti allo Star Count, evento in cui vengono contate le stelle. Si tratta della cifra più alta dal 2013. “Crediamo che la risoluzione del problema dell’inquinamento luminoso inizi con la consapevolezza che il problema esiste – dichiara Ruskin Hartley, direttore esecutivo dell’International Dark-Sky Association (IDA)- Per molte persone, partecipare a Star Count durante il blocco potrebbe, per la prima volta da molto tempo, essere stato il loro primo incontro con un buio cielo notturno”.

Effetti negativi sugli animali

L’illuminazione umana del pianeta sta crescendo in portata e intensità di circa il 2% all’anno e l’inquinamento luminoso è implicato nel declino degli insetti, in particolare delle falene, mentre cambia anche il comportamento di molte altre specie animali.

I risultati, registrati su una mappa interattiva, sono pubblicati durante la International Dark Sky Week, che mira a sensibilizzare sull’impatto dell’inquinamento luminoso. L’illuminazione umana del pianeta sta crescendo in portata e intensità di circa il 2% all’anno e l’inquinamento luminoso è implicato nel declino degli insetti, in particolare delle falene, mentre cambia anche il comportamento di molte altre specie animali. “Sono lieto di vedere che il grave inquinamento luminoso nel Regno Unito sembra essere diminuito”, ha affermato Crispin Truman, amministratore delegato del CPRE. “È probabile che questa sia una conseguenza positiva involontaria del blocco, poiché le nostre abitudini notturne sono cambiate. Speriamo di poter mantenere alcuni di questi risultati mentre usciamo dal blocco”. CPRE e IDA stanno cercando di proteggere i cieli bui e ridurre l’inquinamento luminoso con politiche per garantire che le luci siano spente negli edifici per uffici quando non sono occupati e aumentare l’uso di luci a LED che illuminano solo dove camminiamo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto