venerdì 14 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Lockdown in Gran Bretagna, diminuisce l’inquinamento luminoso

Nella costellazione di Orione sono state viste trenta o più stelle: si tratta della cifra più alta dal 2013. L’illuminazione umana del pianeta sta crescendo di circa il 2% l’anno

Il numero di stelle visibili nei cieli sopra la Gran Bretagna è aumentato nel conteggio annuale di quest’anno, indicando una diminuzione dell’inquinamento luminoso durante il lockdown. Trenta o più stelle nella costellazione di Orione, che indicano cieli veramente bui, sono state viste dal 5% dei partecipanti allo Star Count, evento in cui vengono contate le stelle. Si tratta della cifra più alta dal 2013. “Crediamo che la risoluzione del problema dell’inquinamento luminoso inizi con la consapevolezza che il problema esiste – dichiara Ruskin Hartley, direttore esecutivo dell’International Dark-Sky Association (IDA)- Per molte persone, partecipare a Star Count durante il blocco potrebbe, per la prima volta da molto tempo, essere stato il loro primo incontro con un buio cielo notturno”.

Effetti negativi sugli animali

L’illuminazione umana del pianeta sta crescendo in portata e intensità di circa il 2% all’anno e l’inquinamento luminoso è implicato nel declino degli insetti, in particolare delle falene, mentre cambia anche il comportamento di molte altre specie animali.


I risultati, registrati su una mappa interattiva, sono pubblicati durante la International Dark Sky Week, che mira a sensibilizzare sull’impatto dell’inquinamento luminoso. L’illuminazione umana del pianeta sta crescendo in portata e intensità di circa il 2% all’anno e l’inquinamento luminoso è implicato nel declino degli insetti, in particolare delle falene, mentre cambia anche il comportamento di molte altre specie animali. “Sono lieto di vedere che il grave inquinamento luminoso nel Regno Unito sembra essere diminuito”, ha affermato Crispin Truman, amministratore delegato del CPRE. “È probabile che questa sia una conseguenza positiva involontaria del blocco, poiché le nostre abitudini notturne sono cambiate. Speriamo di poter mantenere alcuni di questi risultati mentre usciamo dal blocco”. CPRE e IDA stanno cercando di proteggere i cieli bui e ridurre l’inquinamento luminoso con politiche per garantire che le luci siano spente negli edifici per uffici quando non sono occupati e aumentare l’uso di luci a LED che illuminano solo dove camminiamo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Il 13 maggio l’overshoot day per l’Italia

Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il 13 maggio l’overshoot day per l’Italia

Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Moda e sostenibilità: al via la partnership tra Apparel Impact Institute e Legambiente

L’obiettivo è sviluppare un piano di progetti e azioni per far sì che le attività della filiera di settore abbiano un impatto sempre più positivo sull’ambiente anche nel nostro Paese

I Fridays for future (e non solo) manifestano contro Eni

I presìdi sono organizzati lo stesso giorno dell'assemblea degli azionisti. Denunciano le responsabilità del cane a sei zampe nella crisi climatica e nella devastazione ambientale
Ridimensiona font
Contrasto