venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

L’Italia dei Comuni più virtuosi premiata a Crema

Premio comuni virtuoso

DI ARIANNA IZZI

Si trova incastonato nel territorio delle Colline Metallifere, circondato dalla macchia mediterranea, il Comune più virtuoso d’Italia del 2019: Monterotondo Marittimo (Gr), comune pieno di storia, con paesaggi straordinari e percorsi virtuosi. Si va  dai bonus bebè fino a quelli per studenti meritevoli, dalla rigenerazione del ex cinema Acli e dell’ex casa cantoniera all’ex asilo che diventa emporio multifunzionale o prototipo di co-housing-condominio assistito.

Il Comune ha fatto della gestione sostenibile la cifra di questa amministrazione. L’elenco è lungo: gestione dei rifiuti con l’installazione di un eco-compattatore, l’educazione all’utilizzo di stoviglie biodegradabili, l’emissione di un’ordinanza Plastic Free, l’efficientamento energetico degli edifici, sia pubblici che privati, tramite incentivi per ristrutturazioni con materiali di bioedilizia  con contributi per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Ma Monterotondo non si ferma qui e guarda anche allo sviluppo di un turismo lento con il prodotto bike Monterotondo marittimo, che partirà nel  2020.

Primo tra oltre 78 comuni finalisti in lizza per il premio Comuni Virtuosi 2019, promosso dall’associazione Comuni Virtuosi con il patrocinio del ministero dell’Ambiente, che, attraverso una giuria selezionata di esperti, tra cui il presidente di Legambiente Stefano Ciafani, premia il comune che ha saputo agire concretamente mediante buone pratiche locali, sostenibili e replicabili.

La premiazione è avvenuta il 14 dicembre a Crema (CR) nella magnifica cornice del Museo civico cremasco, in una giornata ricca di eventi ed emozioni per tutti i partecipanti. “Siamo onorati e felici – ha detto iovanissimo sindaco Giacomo Termine, durante il ritiro del premio – perché questo premio rende merito alla visione sostenibile di presente e di futuro che l’amministrazione comunale di Monterotondo Marittimo vuole perseguire attraverso azioni concrete. Un riconoscimento che condividiamo con tutta la comunità, che ha avuto il merito di aver accettato e sostenuto in modo intelligente il cambiamento, per migliorare la qualità della vita nel nostro comune, sposando sempre la sostenibilità ambientale”.

Medaglia d’argento spetta al comune di Settimo Milanese: anch’esso si è distinto per le tante attività svolte, soprattutto per aver saputo coinvolgere attivamente i cittadini che hanno risposto con prontezza alle molteplici iniziative proposte dall’amministrazione. Come le banche del tempo  o la manutenzione volontaria delle aree verdi,  o la  Settimana del Dialogo Tra le Culture. Il terzo posto spetta sempre a un piccolo comune viterbese di Capranica, con la motivazione: “Per il numero e la qualità dei progetti proposti, per la lungimiranza nel coinvolgimento attivo della comunità locale, per la concretezza delle azioni intraprese”.

Un piccolo spaccato di un’Italia piccola, campione di pratiche virtuose che fa scuola anche alle grandi.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto