sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

L’ipocrisia dell’Euro 5 diesel

Lamobil_Prove_Fiat_inquina

È ufficiale, dal 2 marzo scorso. Con la pubblicazione del rapporto sul sito del ministero dei Trasporti, alcuni modelli auto tra i più diffusi Dacia, Fiat, Ford e Renault (tutti diesel Euro 5) inquinano anche due o tre volte più del consentito (i limiti alle emissioni di ossidi d’azoto per gli Euro 5 diesel sono pari a 180 mg a chilometro, indicati nella linea trattegiata dei grafici che pubblichiamo qui sopra).

Dalle prove ufficiali (il rapporto si può scaricare http://www.mit.gov.it/comunicazione/news/emissioni-pubblicato-report-finale) ne escono male la Dacia Sandero, la Ford Focus, le Renault New laguna e Clio e tutti i modelli trovati del gruppo Fiat: la Panda (1,3), l’Alfa Romeo Giulietta (1,6 e 2,0), la Doblò (1,3), la Cherokee (2,0) e la 500L. Ne escono bene, dalle verifiche durate mesi e condotte dall’Istituto motori del Cnr per conto del ministero deiTrasporti, BMW, Opel e Mercedes (salvo Classe E). Appena sopra il limite la VW Tiguan.

Svelato dunque l’inganno per il consumatore, che crede di acquistare veicoli poco inquinanti, come risultano dalle prove “a freddo”, e dei polmoni dei cittadini che si ammalano e muoiono di smog.

Ma la preoccupazione del governo sembra ben altra, ovvero quella di difendere la Fiat. Così conclude ufficialmente il ministero sulle pagine del sito web: “Sulla base dei test non è stata riscontrata la presenza di dispositivi di manipolazione non consentiti dalla legislazione sulle emissioni inquinanti vigente nell’UE. Dispositivi cui la Volkswagen ha ammesso di aver fatto ricorso nei propri modelli”. A differenza dei tedeschi, la Fiat infatti non ha ammesso la presenza di sistemi software che ingannano i controlli, e quindi, pur inquinando, non è perseguibile dal Governo italiano. Come dire: abbiamo accertato che la Fiat inquina, ma non trovando meccanismi di manipolazione – e non confessando la stessa Fiat di usarli – non è colpevole. Non solo. “I 18 veicoli – si legge sempre nella nota del ministero dei Trasporti – hanno fatto registrare livelli di emissione compatibili con i dati di omologazione e quindi `in regola´ con la vigente normativa di riferimento”. L’imbarazzo del ministero, che usa testualmente le virgolette quando scrive “in regola”,  traspare con evidenza anche in un passaggio successivo: “È differente, come evidenziato anche negli altri report europei, il comportamento reale e su strada dei veicoli, ancorché secondo modalità oggi considerate a norma. Evidenza già emersa da tempo e che verrà affrontata con il nuovo ciclo di prova da settembre 2017, in laboratorio e su strada, adottato dai ministri europei, con il convinto supporto del Governo italiano”.

Nei grafici che pubblichiamo, tratti dal Rapporto Cnr – Ministero, si confrontano le emissioni “a freddo” riscontrate nei cicli di prova (NEDC) in vigore in officina (durata 20 minuti) e le emissioni “a caldo” quando il motore rimane acceso per più tempo o su strada (alla velocità massima di 70 Km/h, da cui NEDC 70). I dati, finalmente pubblici, si commentano da soli.

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto