venerdì 27 Novembre 2020

L’inquinamento atmosferico limita le prestazioni sportive dei bambini

sport e inquinamento

A riportarlo è il Guardian: i bambini che fanno sport in aree ad alto inquinamento sperimenteranno una funzione polmonare stentata che limiterà le loro prestazioni sportive future. Ma a rivelarlo  è il rapporto Breathe Gb condotto in Inghilterra che ha analizzato i livelli di inquinamento in 94 siti sportivi: in 25 hanno infranto i limiti raccomandati dall’OMS, mentre 52 si sono avvicinati alla soglia. Il dott. Ian Mudway, professore di alto livello di tossicologia respiratoria presso il King’s College di Londra, ha dichiarato: “Un bambino che cresce con l’asma in una città inquinata avrà sintomi peggiori che limiteranno il loro potenziale di allenarsi … che probabilmente avrà un impatto sul loro ottimale livello di prestazione. “

Jonathan Grigg, professore di medicina pediatrica respiratoria e ambientale presso la Queen Mary University, ha dichiarato: “Esistono prove molto evidenti che l’esposizione all’inquinamento atmosferico inficia la funzione polmonare dei bambini. I bambini con funzionalità polmonare clinicamente bassa avranno una capacità di esercizio ridotta “.

Al lancio del rapporto martedì mattina, Mark Bergin, un insegnante di educazione fisica della scuola elementare Manorfield a Poplar, nella zona est di Londra, ha dichiarato: “Ci sono elementi che possiamo vedere ora perché c’è un tale aumento del numero di bambini che hanno pompe per l’asma, l’ho notato  negli ultimi 10 anni circa che ho lavorato nel campo dell’istruzione “.

Per produrre il rapporto, il gruppo di campagna The Air Team ha parlato con consulenti respiratori senior, nonché con leader nell’educazione fisica, per valutare gli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla funzione polmonare e sulle capacità sportive dei bambini.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,146FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”