giovedì 29 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Life Floranet, al via il terzo contest fotografico

La fotografia di un'Adonis Distorta

Ha preso il via il terzo contest fotografico “Floranet: fiori appenninici, bellezza in posa”, il cui protagonista per l’edizione di quest’anno è il Parco regionale del Sirente Velino. I 50mila ettari del Parco, cosparsi di boschi, canyon e altopiani che ospitano, oltre alla vegetazione, anche una ricca presenza faunistica e un pregevole patrimonio storico rurale, faranno dunque da sfondo all’iniziativa. 

Il contest fotografico è aperto alla partecipazione del grande pubblico, invita a raccontare, attraverso le immagini, la bellezza floristica dell’appennino abruzzese e le specie vegetali di importanza comunitaria e non. Potranno essere ritratti gli esemplari delle sette specie oggetto del progetto Floranet (Cypripedium calceolus, Adonis distorta, Androsace mathildae, Iris marsica, Astragalus aquilanus, Klasea lycopifolia, Jacobaea vulgaris subspecie gotlandica). Ma non solo. Potrà infatti “gareggiare” tutta la flora del Parco regionale del Sirente Velino, che vanta un censimento di ben 1570 specie.

Come partecipare

La consegna delle opere, unitamente alla domanda d’iscrizione e alla liberatoria  dovrà avvenire entro e non oltre il 23 ottobre 2020 via email all’indirizzo lifefloranet@gmail.com, oppure online, tramite il sistema wetransfer.com. Il bando e il regolamento sono scaricabili sul sito www.floranetlife.it. Gli scatti che parteciperanno al contest saranno giudicati da una giuria che premierà i dodici migliori con la realizzazione del calendario annuale del Parco Sirente Velino e la pubblicazione sul sito nazionale e sui canali social del progetto.

“La partecipazione al contest fotografico è anche un invito a ritornare a frequentare in sicurezza le nostre aree protette, perché camminare nei Parchi è un’attività che, più di altre, si può praticare responsabilmente anche in questa delicata fase post lockdown e nonostante le limitazioni dovute all’emergenza sanitaria legata alla pandemia da Covid19: si svolge all’aria aperta, non prevede assembramenti e garantisce il giusto distanziamento fisico – sottolinea Antonio Nicoletti, responsabile aree protette e biodiversità di Legambiente – Un’opzione che diventa ancora più interessante cogliere considerando tutta l’incertezza che persiste rispetto alle prossime vacanze che sarebbero orientate a una maggiore frequentazione delle destinazioni montane, anche alla luce delle maggiori difficoltà che la fase post pandemia imporrebbe a chi decidesse di frequentare spiagge o città d’arte. Insomma, perché non immaginare un’estate con la propria famiglia impegnati in un tour fotografico alla scoperta del nostro magnifico patrimonio naturalistico dell’Appennino?”.

“Sono sicuro – aggiunge il Commissario Regionale Igino Chiuchiarelli – che il territorio del Parco naturale regionale Sirente Velino sia un campo di prova ideale per gli amanti della fotografia naturalistica così contestualizzata, e che la sensibilità ambientale dei partecipanti si ritroverà tutta negli scatti inviati a dimostrazione che fotografare è trattenere il respiro, quando tutte le facoltà convergono per catturare la realtà fugace (Henry Cartier Bresson)”.

Il progetto Life Floranet

Life Floranet vede coinvolto il Parco Nazionale della Majella, in qualità di ente coordinatore, insieme al Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, al Parco Regionale Sirente Velino, all’Università di Camerino e Legambiente, allo scopo di tutelare le sette specie vegetali della flora appenninica di interesse comunitario oggetto del progetto, che è cofinanziato attraverso lo strumento Life dell’Unione europea. Nasce anche per informare e sensibilizzare turisti, operatori del territorio e comunità locali rispetto all’importanza della conservazione della biodiversità dei parchi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Roberto Danovaro: “Per vivere bene sul pianeta abbiamo bisogno dell’oceano sano”

Dal mensile. Professore di Biologia marina e presidente della Stazione zoologica “Anton Dohrn”, spiega perché è importante studiare i mari e quanto resta ancora da fare per tutelare quelli italiani

Scrigno d’acqua

Dal mensile. Biodiversità, cibo, energia, materie prime. I servizi ecosistemici che rendono possibile la vita sulla Terra possono nutrire l’economia del futuro. Se gli ecosistemi marini saranno ben tutelati
Ridimensiona font
Contrasto