lunedì 30 Novembre 2020

L’Europa può rialzarsi solo con un vero Green new deal

Immagine della bandiera dell'UE

L’Europa messa in ginocchio dal Coronavirus può rialzarsi e guardare con speranza al futuro solo con un “real green deal”. Un vero green deal europeo fondato su un patto clima-occupazione in grado di fronteggiare l’emergenza climatica, un pericolo con cui siamo costretti a fare i conti anche al tempo della pandemia. È l’appello lanciato alla presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, da centinaia di ambientalisti, climatologi, economisti, imprenditori, sindacalisti, amministratori locali, parlamentari (nazionali ed europei) e ministri, provenienti da ambienti molto diversi ma convinti che “la transizione ecologica non sia solo un obbligo morale e una questione di sopravvivenza, ma anche un’opportunità per l’Europa di reinventarsi. Una transizione giusta che crei milioni di posti di lavoro dignitosi e non aggiunga oneri ai più vulnerabili”.

Per un “real green deal” commisurato all’emergenza servono ingenti risorse finanziarie europee. L’appello propone di finanziare il patto clima-occupazione con risorse provenienti dalla Banca centrale europea, che dovranno alimentare una vera e propria Banca per il clima e la biodiversità con la missione di fornire prestiti senza interessi a ciascun Stato membro dell’Unione fino al 2% del suo Pil, ogni anno per 30 anni, mobilitando così circa 300 miliardi di euro l’anno per l’intera Ue. Gli Stati membri potranno poi disporre di risorse aggiuntive con l’abolizione di tutti i sussidi e gli investimenti per i combustibili fossili, inclusa l’esenzione fiscale sul cherosene per il trasporto aereo.

L’appello, inoltre, propone un’imposta europea del 5% sugli utili delle grandi imprese transnazionali, che porterebbe 100 miliardi di euro l’anno da destinare a un vero e proprio bilancio Ue per la biodiversità climatica. Questi 100 miliardi aggiuntivi permetterebbero di superare la soglia del 50% del bilancio europeo dedicato al clima. Risorse sufficienti a finanziare una giusta transizione, che dovrà essere equa per lavoratori, comunità e cittadini.

In questo modo sarà possibile finanziare un vero green deal europeo in grado di creare almeno 5 milioni di posti di lavoro e migliorare la vita di milioni di famiglie europee. L’Unione Europea, nata con il carbone e l’acciaio, può così rinascere con un progetto unificante per il clima e l’occupazione.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Mauro Albrizio
Mauro Albrizio è responsabile dell'ufficio europeo di Legambiente a Bruxelles

Articoli correlati

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,162FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste

ECOFORUM VENETO 2020

Quinta Edizione di EcoForum Veneto in diretta streaming dalle 9.30 alle 12.30 IL PROGRAMMA

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia