giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

L’Europa può rialzarsi solo con un vero Green new deal

Immagine della bandiera dell'UE

L’Europa messa in ginocchio dal Coronavirus può rialzarsi e guardare con speranza al futuro solo con un “real green deal”. Un vero green deal europeo fondato su un patto clima-occupazione in grado di fronteggiare l’emergenza climatica, un pericolo con cui siamo costretti a fare i conti anche al tempo della pandemia. È l’appello lanciato alla presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, da centinaia di ambientalisti, climatologi, economisti, imprenditori, sindacalisti, amministratori locali, parlamentari (nazionali ed europei) e ministri, provenienti da ambienti molto diversi ma convinti che “la transizione ecologica non sia solo un obbligo morale e una questione di sopravvivenza, ma anche un’opportunità per l’Europa di reinventarsi. Una transizione giusta che crei milioni di posti di lavoro dignitosi e non aggiunga oneri ai più vulnerabili”.

Per un “real green deal” commisurato all’emergenza servono ingenti risorse finanziarie europee. L’appello propone di finanziare il patto clima-occupazione con risorse provenienti dalla Banca centrale europea, che dovranno alimentare una vera e propria Banca per il clima e la biodiversità con la missione di fornire prestiti senza interessi a ciascun Stato membro dell’Unione fino al 2% del suo Pil, ogni anno per 30 anni, mobilitando così circa 300 miliardi di euro l’anno per l’intera Ue. Gli Stati membri potranno poi disporre di risorse aggiuntive con l’abolizione di tutti i sussidi e gli investimenti per i combustibili fossili, inclusa l’esenzione fiscale sul cherosene per il trasporto aereo.

L’appello, inoltre, propone un’imposta europea del 5% sugli utili delle grandi imprese transnazionali, che porterebbe 100 miliardi di euro l’anno da destinare a un vero e proprio bilancio Ue per la biodiversità climatica. Questi 100 miliardi aggiuntivi permetterebbero di superare la soglia del 50% del bilancio europeo dedicato al clima. Risorse sufficienti a finanziare una giusta transizione, che dovrà essere equa per lavoratori, comunità e cittadini.

In questo modo sarà possibile finanziare un vero green deal europeo in grado di creare almeno 5 milioni di posti di lavoro e migliorare la vita di milioni di famiglie europee. L’Unione Europea, nata con il carbone e l’acciaio, può così rinascere con un progetto unificante per il clima e l’occupazione.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Mauro Albrizio
Mauro Albrizio è responsabile dell'ufficio europeo di Legambiente a Bruxelles

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto