mercoledì 20 Gennaio 2021

L’Erbolario riceve un riconoscimento speciale per il suo packaging sostenibile

Per aver recuperato 5000 kg di plastica dall’oceano OWP (Ocean Waste Plastic) premia l’azienda di Lodi con una tartaruga marina

Non succede spesso che un premio green si trasformi in un’adozione a distanza. Eppure Euphorbia, tartaruga marina che in questo momento sta nuotando libera nelle acque dell’Oceano Atlantico, è arrivata così a L’Erbolario. Tutto merito di un virtuoso accordo che l’azienda lodigiana ha siglato con OWP (Ocean Waste Plastic), progetto della società danese Pack Tech che estrae plastica dai mari, dai fiumi e dai rifiuti raccolti sulle spiagge, per la realizzazione di flaconi airless destinati alla linea viso “I Colori dell’Orto”.

Grazie a questa partnership, infatti, l’azienda è riuscita a recuperare dall’inizio dell’anno ben 5000 kg di plastica dagli oceani, un quantitativo che equivale a circa 5 milioni di cannucce: “Non poteva che rendermi orgoglioso aver appreso di questa magnifica adozione a distanza. È la prova che con le nostre scelte sostenibili sia in materia di formule a base di estratti vegetali che di imballi a basso impatto ambientale possiamo contribuire a rendere migliore il nostro pianeta”, dichiara Franco Bergamaschi, fondatore de L’Erbolario insieme alla moglie Daniela Villa.

Non solo, sul packaging di queste eco-boccette viene riportato un QR Code che, una volta inquadrato con la fotocamera dello smartphone, permette di scoprire in tempo reale dove, quando e da chi è stata recuperata la plastica utilizzata per confezionare quel determinato trattamento. Altro plus della linea, così come di tutte quelle firmate dal marchio cosmetico Made in Lodi, sono gli astucci dei prodotti e i cartoncini delle maschere in carta FSC, ovvero ottenuta da fonti gestite in modo responsabile, secondo le severe norme del Forest Stewardship Council. Rimanendo sempre nell’ottica di abbattere le emissioni di C02, le cinque nuove Ecoricariche dei bagnischiuma- nelle profumazioni Papavero Soave, Ginepro Nero, 3 Rosa, Assenzio e Fior di Salina – consentono un risparmio di plastica fino al 68%, rispetto al peso equivalente di due flaconi tradizionali. Perché anche nel più semplice gesto di bellezza quotidiana si può fare la differenza.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Marine litter, tartaruga Caretta caretta morta a Punta Pellaro

Aveva ingerito un grosso amo, recuperata il 18 gennaio da guardie ecozoofile locali

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento