martedì 15 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Leonardo DiCaprio ha promesso 43 milioni di dollari per il ripristino delle Galapagos

L’iniziativa è in collaborazione con l’organizzazione Re:Wild. L’obiettivo è la reintroduzione di 13 specie estinte nelle isole. Ma non solo

Leonardo DiCaprio ha annunciato un impegno di 43 milioni di dollari per attuare ampie operazioni di conservazione nelle isole Galapagos, con i suoi account sui social media. L’iniziativa è in collaborazione con Re:wild. L’impegno finanzierà i progetti delle Galapagos, compresi gli sforzi per ripristinare l’isola Floreana, che ospita 54 specie minacciate, e reintrodurre 13 specie estinte localmente, tra cui il tordo beffardo Floreana, il primo tordo beffardo descritto da Charles Darwin. Il denaro servirà anche a finanziare un programma di riproduzione in cattività e altre attività per prevenire l’estinzione dell’iguana rosa e rafforzare le misure per proteggere le risorse marine delle Galapagos dall’impatto umano dell’ecoturismo.

L’organizzazione Re:wild è stata fondata quest’anno da un gruppo di rinomati scienziati della conservazione e DiCaprio, la Direzione del Parco Nazionale delle Galápagos, la Conservazione dell’isola e le comunità locali, e mira a ricostruire le intere Isole Galapagos, così come tutte degli arcipelaghi del Pacifico dell’America Latina.

Ecuador e i suoi eroi ambientali

DiCaprio ha detto: “Quando sono andato alle Isole Galápagos, ho incontrato Paula Castaño e altri eroi ambientali in Ecuador che lavoravano giorno dopo giorno per salvare uno dei luoghi più insostituibili del pianeta. “In tutto il mondo, la natura selvaggia è in declino. Abbiamo degradato tre quarti dei luoghi selvaggi e portato più di 1 milione di specie sull’orlo dell’estinzione. Più della metà delle restanti aree selvagge della Terra potrebbero scomparire nei prossimi decenni se non agiamo in modo deciso. Gli eroi ambientali di cui il pianeta ha bisogno sono già qui. Ora dobbiamo tutti raccogliere la sfida e unirci a loro”.

Paula Castaño, che prenderà in mano gli account Instagram e Twitter di DiCaprio per promuovere gli interventi critici necessari per ricostruire le Galápagos, ha dichiarato: “Il tempo sta finendo per così tante specie, specialmente sulle isole dove le loro piccole popolazioni sono vulnerabili e minacciate. Abbiamo bisogno di investimenti enormi come quello annunciato oggi per replicare i nostri successi alle Galápagos e altrove”.

Castaño, che lavora da otto anni come specialista nel ripristino delle isole, ritiene che se gli esseri umani possono coesistere con la natura, gli ecosistemi possono essere ricostruiti con successo. “Fino al 97% della superficie terrestre delle Isole Galápagos rientra nello status di parco nazionale. Non stiamo cercando di rimuovere gli esseri umani dal quadro. Stiamo cercando di lavorare tutti insieme per ricostruire questi ecosistemi e supportare anche la comunità”.

Fuori i roditori invasivi

Castaño ha ricordato i ripristini ambientali riusciti in passato. Nel 2012, i roditori invasivi sono stati rimossi dall’isola di Pinzón dal parco nazionale delle Galápagos, assistiti da Island Conservation a beneficio della tartaruga gigante di Pinzón. Di conseguenza, nel 2014 sono stati scoperti nuovi piccoli. “Abbiamo assistito a un ripristino nella nostra vita, quindi non dobbiamo davvero aspettare cinque anni o 20 o 50 anni. Questi sono risultati immediati. Vedremo la ricompensa per tutti questi sforzi, e non solo nelle Galapagos, ma anche oltre gli arcipelaghi dell’America Latina “.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Articoli correlati

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

Transizione energetica, creare valore per le persone e le comunità

È l'orizzonte che si pone la strategia di sostenibilità del Gruppo Maire Tecnimont. Individuati quattro macroaree di intervento e otto obiettivi prioritari per il 2025, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Le imprese green sono quelle che resistono di più alla crisi del Covid

Il 16% delle imprese eco-investitrici ha aumentato il proprio fatturato nell’ultimo anno. È il quadro che emerge alla fine del progetto Ecco - Economie Circolari di COmunità, promosso da Legambiente

Il rovescio dei reflui

In tre isole greche, e nella nostra Gorgona, si sperimentano sistemi per recuperare le sostanze nutritive delle acque di scarico. Per ridurre il danno ambientale e sviluppare l’economia

Mosaico Verde, messi a dimora 267mila alberi in 60 aree gestite da Comuni

Presentati il 9 giugno a Roma i risultati raggiunti dalla campagna nel triennio 2018-2021. Grazie ai nuovi alberi piantati si stima per i prossimi anni un assorbimento di circa 186.900 tonnellate di CO2
Ridimensiona font
Contrasto