martedì 15 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Legge sul biologico vicina al traguardo. Legambiente: “la Camera la approvi velocemente”

Dopo il recente via libera del Senato manca il sì dell’altro ramo del Parlamento. La legge prevede l’istituzione del marchio Biologico italiano che valorizza le eccellenze del Paese leader in Europa con 80 mila operatori e 2 milioni di ettari coltivati, pari al 15,8 % della superficie agricola utilizzabile nazionale

 

All’approvazione definitiva della legge sul biologico, dopo il recente via libera del Senato con 195 sì, un astenuto e un solo voto contrario – quello della senatrice Cattaneo – mancano davvero pochi metri e Legambiente entra nuovamente nel vivo del dibattito, evidenziando la necessità di procedere con determinazione in questa direzione, nel solco di quanto indicato dall’Europa e allo scopo di rendere pienamente applicabili i principi dell’agroecologia. L’auspicio perciò è che il provvedimento, che ora torna all’esame della Camera, venga approvato definitivamente visto il vastissimo consenso raccolto.

Secondo l’associazione ambientalista, il nostro Paese deve poter contare su una legge capace di favorire, incentivare e promuovere l’agricoltura biologica, per il Pianeta e per un’economia sempre più sostenibile. Coltivare e produrre alimenti a marchio bio significa andare nella direzione degli obiettivi indicati dal green deal europeo e dalle strategie Farm to fork e Biodiversità, che mirano a triplicare entro il 2030 le superfici bio, a ridurre del 50% l’utilizzo di pesticidi e antibiotici negli allevamenti, del 20% quello dei fertilizzanti e ad aumentare del 10% le aree dedicate ai corridoi ecologici nei campi agricoli. L’adozione di questo dispositivo risulta quindi cruciale e determinante, sia per la tutela della salute dei cittadini, che per la salvaguardia degli ecosistemi, il rinnovamento del comparto agricolo in chiave sostenibile e la competitività dell’economia del Paese. La legge prevede tra l’altro l’istituzione del marchio Biologico italiano che valorizza le eccellenze del Paese, garantendo tracciabilità e controlli efficaci ed istituisce i distretti biologici, veri e propri volani per lo sviluppo dei processi agroecologici in ambito territoriale.

“Obiettivo comune – ha dichiarato Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente – deve essere il rafforzamento della filiera sostenibile dell’intero sistema agroalimentare. Made in Italy e rispetto dell’ambiente e della salute dei consumatori devono essere i due motori della nostra azione e rappresentare la spinta propulsiva che ci porterà all’approvazione definitiva di una legge che manca e che deve essere approvata senza indugi. L’Italia è leader del biologico in Europa con 80 mila operatori e 2 milioni di ettari coltivati, pari al 15,8 % della superficie agricola utilizzabile nazionale. La Penisola si posiziona molto al di sopra della media UE, che nel 2018 si attestava all’8%, e a quella dei principali Paesi produttori come Spagna (10%), Germania (9%) e Francia (8%). Negli ultimi dieci anni, i terreni coltivati con metodo biologico sono aumentati di oltre il 75% e i consumi sono più che triplicati. Da ciò – ha concluso Ciafani – si evince chiaramente come il Paese sia già un passo avanti rispetto alle norme e che, pertanto, l’approvazione della legge non rappresenta altro che un efficace e strategico strumento per implementare il settore, renderlo più competitivo e contribuire a condurre l’intero sistema agroalimentare italiano verso una maggiore sostenibilità ambientale quanto mai necessaria. Chiediamo quindi con forza ai deputati della Repubblica di siglare l’ultimo atto di questo percorso atteso da vent’anni, approvando definitivamente il disegno di legge sull’agricoltura biologica.”

“Attraverso il biologico – ha aggiunto Angelo Gentili, responsabile agricoltura di Legambiente-  si riducono fortemente gli impatti negativi dell’agricoltura sugli ecosistemi e i carichi emissivi. Questo deve essere inconfutabilmente considerato un elemento cruciale e strategico nel dibattito in corso. L’attuazione della transizione ecologica di tutto il sistema agroalimentare del nostro Paese – ha chiarito Gentili – passa proprio dallo sviluppo del biologico. Per questo, è fondamentale che le istituzioni italiane continuino a volgere lo sguardo al futuro, consentendo alle già numerose realtà produttive di poter contare su un dispositivo di legge chiaro e lungimirante e a tutto il settore di intraprendere la strada della sostenibilità. Quella biologica, infatti, è una buona agricoltura, capace di diminuire l’utilizzo della chimica, di incrementare la fertilità dei suoli, di rispettare i cicli naturali, la biodiversità e il benessere animale e assicurare cibo sano per i consumatori. Rispondono ai principi ed i criteri del comparto bio molte realtà, ognuna con una propria specificità, compreso il metodo biodinamico, che ha suscitato polemiche in questi giorni e che è da sempre inserito a pieno titolo nei regolamenti europei in materia di agricoltura biologica. Un metodo, tra le altre cose, che costituisce un valore per il sistema agricolo grazie alla forte attenzione alla fertilità del suolo, alla tutela della biodiversità e alla salubrità dei prodotti. Basta tentennamenti: la legge sul bio non può più essere rimandata”.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

Transizione energetica, creare valore per le persone e le comunità

È l'orizzonte che si pone la strategia di sostenibilità del Gruppo Maire Tecnimont. Individuati quattro macroaree di intervento e otto obiettivi prioritari per il 2025, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Le imprese green sono quelle che resistono di più alla crisi del Covid

Il 16% delle imprese eco-investitrici ha aumentato il proprio fatturato nell’ultimo anno. È il quadro che emerge alla fine del progetto Ecco - Economie Circolari di COmunità, promosso da Legambiente

Il rovescio dei reflui

In tre isole greche, e nella nostra Gorgona, si sperimentano sistemi per recuperare le sostanze nutritive delle acque di scarico. Per ridurre il danno ambientale e sviluppare l’economia

Mosaico Verde, messi a dimora 267mila alberi in 60 aree gestite da Comuni

Presentati il 9 giugno a Roma i risultati raggiunti dalla campagna nel triennio 2018-2021. Grazie ai nuovi alberi piantati si stima per i prossimi anni un assorbimento di circa 186.900 tonnellate di CO2
Ridimensiona font
Contrasto