domenica 5 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Legambiente: “Siamo felici per Mimmo Lucano”

Riace, il sindaco Mimmo Lucano

Legambiente esprime soddisfazione alla lettura del pronunciamento della Cassazione sul caso del sindaco di Riace Mimmo Lucano.

“Siamo veramente felici di leggere che la Cassazione ha chiesto di valutare nuovamente il divieto di dimora per Mimmo Lucano, il coraggioso sindaco di Riace allontanato dalla sua cittadina per alcuni presunti reati legati al modello di accoglienza”, scrivono il presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani, e il presidente di Legambiente Calabria, Francesco Falcone.

Secondo la Cassazione non risultano, infatti, frodi nella gestione di alcuni servizi, come quello della raccolta di rifiuti. Anche a proposito del favoreggiamento di matrimoni di comodo la sentenza depositata recita “poggia sulle incerte basi di un quadro di riferimento fattuale non solo sfornito di significativi e precisi elementi di riscontro ma, addirittura, escluso da qualsiasi contestazione formalmente elevata in sede cautelare”.

“Non avevamo mai avuto dubbi sulla buona fede di Mimmo Lucano e sicuramente non possono esserci ombre sul modello Riace che, a prescindere dagli uomini e dagli ipotetici errori umani, resta un esempio di accoglienza e di integrazione che fa onore alla Calabria e che dovrebbe essere esportato altrove – aggiungono Stefano Ciafani e Francesco Falcone – Mimmo Lucano è riuscito in un piccolo miracolo nella sua Riace: aveva trovato la ricetta giusta per combattere lo spopolamento e per favorire un reale inserimento nella vita attiva della piccola società dei migranti provenienti da ogni parte del mondo.

In questi mesi Riace è stata duramente colpita: il progetto è stato cancellato, molti migranti sono stati costretti ad abbandonare il Paese che li aveva accolti. Addirittura il Viminale aveva annunciato di volersi costituire parte civile nel procedimento contro Lucano. Evidentemente, chi alimenta odio e marcia sulla paura della gente alla fine perde. Perde umanamente di fronte alla grandezza di un semplice sindaco calabrese che ha scelto di andare a processo, a differenza di chi ha preferito il paracadute; perde perché la società civile ancora una volta ha dimostrato di essere più avanti di chi la rappresenta: la gara di solidarietà verso Riace in questi mesi non si è mai arrestata e siamo orgogliosi di averne fatto una piccola parte insieme a Re.Co.Sol e a tante altre associazioni e cittadini che hanno capito, prima di chi ci governa, che non si può fermare il vento con le mani.

Abbiamo sempre sostenuto – proseguono Stefano Ciafani e Francesco Falcone – che l’ecologia umana è la chiave di volta del nostro impegno, che il modello Sprar era ed è un modello funzionante che non deve essere cancellato a favore di grandi assemblamenti che ricordano i lager. Siamo stati a visitare la baraccopoli di San Ferdinando, qualche giorno fa, dopo le ruspe di Salvini: non è accettabile che esista una distesa di tende in mezzo alla sporcizia in cui vivono ammassati centinaia di nuovi schiavi e contemporaneamente pensare che sia Riace il problema.

Riace è la soluzione. Anche per noi italiani. Per noi calabresi. Per i nostri piccoli borghi che giorno dopo giorno si spopolano e si impoveriscono. Riace è quell’accoglienza che fa bene all’Italia che vogliamo raccontare insieme a tante altre belle realtà della nostra terra e lo faremo venerdì a Crotone dove presenteremo il dossier proprio dal titolo “L’accoglienza che fa bene all’Italia” e in cui Riace rientra a pieno titolo. Lo facciamo – conlcudono – con maggiore convinzione, sapendo che c’è di nuovo una speranza per Riace e perché ci piace narrare la bellezza, nonostante le storture dei nostri tempi. In fondo, ne siamo convinti, la bellezza salverà il mondo.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto