domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Torna a Roma l’Ecoforum

 

un'immagine del Forum rifiuti del 2017

Le migliori esperienze dell’economia circolare italiana si danno appuntamento al quinto Ecoforum, in programma il 26 e il 27 giugno a Roma. L’evento, promosso da Legambiente, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club, in partenariato con il Conou (Consozio nazionale per la gestione, raccolta e trattamento degli oli minerali usati), quest’anno in programma presso lo spazio Roma Eventi Piazza di Spagna, battezza la definitiva approvazione del nuovo pacchetto di direttive europee sull’economia circolare. Una serie di misure attese da tempo, destinate ad accelerare, se recepite con rapidità ed efficacia, la transizione verso una nuova economia, più forte perché più sostenibile.

“Stiamo entrando in una nuova era, quella dell’economia circolare 4.0, che può rappresentare una svolta epocale per l’economia, la creazione di lavoro, l’ambiente e la salute dei cittadini – dice Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente – Una sfida di straordinario interesse per il nostro Paese. L’Italia, infatti, vanta già tante esperienze di successo di economia circolare e di riuso, praticate da Comuni, società pubbliche o miste e imprese private, che possono consentirci di assumere una vera e propria leadership in Europa”.

Questi i temi al centro dell’EcoForum: il superamento delle barriere non tecnologiche come le norme certe sulle materie prime seconde e sul cosiddetto end of waste, la semplificazione delle procedure autorizzative per il riciclo; il riconoscimento fiscale del riuso; la piena ed effettiva attuazione del Green public procurement e dei Cam, i criteri ambientali minimi resi obbligatori per tutte le stazioni appaltanti; la “rigenerazione” del sistema dei consorzi obbligatori; gli investimenti nell’economia circolare del sistema imprenditoriale. Nella giornata conclusiva del 27 giugno, la XXV edizione di “Comuni ricicloni”, il premio rivolto alle comunità locali che hanno ottenuto i migliori risultati nella raccolta e gestione dei rifiuti.

info eco-forum.it

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto