domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Le sfide del riciclo

Stando ai dati forniti dal Centro di coordinamento nazionale pile e accumulatori (in sigla Cdcnpa) nel 2016 sono stati immessi sul mercato 24.652.037 pezzi tra pile e accumulatori portatili nuovi. Attraverso i sistemi collettivi e individuali appartenenti al Cdcnpa, il quantitativo di quelli raccolti, ormai esausti, è stato di 9.495.012 kg. Due le principali modalità di trattamento per recuperare materiali e metalli riutilizzabili come mercurio, cadmio, zinco e piombo ed evitare la dispersione di inquinanti: il processo pirometallurgico attraverso le alte temperature della fornace e quello idrometallurgico, con soluzioni acquose.

«Da 30 anni in Italia le batterie al piombo vengono riciclate al 100% – spiega Giancarlo Morandi, presidente del Cobat (Consorzio nazionale raccolta e riciclo) e membro del comitato esecutivo del Cdcnpa – e si producono nuovo piombo, nuova plastica e nuovo acido solforico. Abbiamo invece il problema di riciclare le batterie al litio, già molto diffuse sulle autovetture». Vengono mandate in Belgio e Francia dove ci sono due forni e vengono così recuperati i metalli di perfusione mentre invece il litio brucia.

«È costante in tutto il mondo la ricerca di batterie più performanti e meno costose, di continuo vengono presentati nuovi brevetti. Noi come Cobat abbiamo avviato uno studio con il Consiglio nazionale delle ricerche – prosegue Morandi – e contiamo questa primavera di brevettare un sistema di recupero del litio da queste batterie».

Un ulteriore problema riguarda le altre tipologie di batterie, di cui i cassetti nelle case degli italiani sono pieni. Sono le batterie degli orologi al mercurio, dei vecchi telefonini o quelle inglobate in giocattoli o altri dispositivi che hanno una infinità di applicazioni chimiche. Quando si raccolgono vanno separate per essere avviate al riciclo. Ecco perché è fondamentale cercare gli appositi raccoglitori e non disperderle nell’ambiente. «La stessa Unione europea ha proposto dei traguardi che non sono il 100% dell’immesso al consumo – precisa Morandi – ed essendo piccoli questi prodotti vengono spesso buttati via in modo indifferenziato. È stato posto l’obiettivo del 45%, molto lontano dal 100% delle batterie al piombo». Sarebbe già un bel risultato raggiungerlo.

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto