sabato 24 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Le popolazioni indigene sono i migliori guardiani delle foreste

Ad affermarlo è un rapporto dell’Onu. Le regioni da loro custodite hanno tassi di deforestazione inferiori fino al 50% La mattanza degli indigeni  Deforestazione made in Italy

Dove ci sono loro la foresta non arretra. O almeno diminuisce con maggiore lentezza. A dirlo è un rapporto delle Nazioni Unite, secondo cui i popoli indigeni dell’America Latina sono di gran lunga i migliori custodi delle foreste delle regioni, con tassi di deforestazione fino al 50% inferiori nei loro territori rispetto ad altri luoghi.

Onu per gli indigeni

Mentre l’area di foresta intatta è diminuita solo del 5% tra il 2000 e il 2016 nelle aree indigene della regione, nelle aree non indigene è diminuita dell’11%


Il rapporto è stato prodotto dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura e il Fondo per lo sviluppo dei popoli indigeni dell’America Latina e dei Caraibi (Filac), sulla base di una revisione di oltre 300 studi. “Quasi la metà delle foreste intatte nel bacino amazzonico si trovano nei territori indigeni e l’evidenza del loro ruolo vitale nella protezione delle foreste è cristallina – ha detto la presidente di Filac, Myrna Cunningham, una donna indigena del Nicaragua – Mentre l’area di foresta intatta è diminuita solo del 5% tra il 2000 e il 2016 nelle aree indigene della regione, nelle aree non indigene è diminuita dell’11%.”

Foreste contro la crisi climatica

La protezione delle foreste è vitale per affrontare la crisi climatica e il crollo della fauna selvatica. E il riconoscimento dei diritti dei popoli indigeni e tribali sulla loro terra è una delle azioni più convenienti. Il rapporto dell’Onu chiede inoltre che le persone siano pagate per i benefici ambientali forniti dalla loro gestione e per il finanziamento per il rilancio della loro conoscenza ancestrale del vivere in armonia con la natura. L’Amazzonia si sta avvicinando a un punto di svolta in cui passa dalla foresta pluviale alla savana, rischiando il rilascio di miliardi di tonnellate di carbonio nell’atmosfera. I territori indigeni e tribali contengono circa un terzo di tutto il carbonio immagazzinato nelle foreste dell’America Latina.

Popolazioni indigene minacciate

Tuttavia, la domanda di carne di manzo, soia, legname, petrolio e minerali è in aumento: così come  lo sono le popolazioni indigene minacciate. Negli ultimi anni, centinaia di leader della comunità sono stati uccisi a causa di controversie sulla terra e la pandemia di Covid-19 si è aggiunta ai pericoli che le popolazioni delle foreste devono affrontare.

I territori indigeni e tribali contengono circa un terzo di tutto il carbonio immagazzinato nelle foreste dell’America Latina


Secondo il rapporto le richieste dei popoli indigeni per i loro diritti sono diventate sempre più visibili negli ultimi anni ma questo è arrivato con crescenti persecuzioni, razzismo e omicidi.

Leggi anche:
Amazzonia, la foresta in ostaggio
In nome della Terra
Deforestazione made in Italy

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Azione climatica, l’impegno europeo per ridurre le emissioni è ancora insufficiente

Il nuovo Pacchetto legislativo Clima-Energia “Fit for 55” proposto dalla Commissione lo scorso 14 luglio è inadeguato a fronteggiare la crisi climatica e a mantenere vivo l’obiettivo di 1.5°C. Un obiettivo ambizioso ma possibile

G20, Cingolani: “Raggiunto un accordo unico sulla tutela della natura”, in piazza cresce la protesta

Secondo il ministro il documento riprende la visione del Pnrr italiano: tutela degli ecosistemi e della biodiversità, economia circolare, finanza green I difficili negoziati sulla transizione ecologica

Al via “La Compagnia del suolo”, nove tappe per analizzare la salute dei terreni agricoli

L'iniziativa, organizzata nell'ambito del progetto "Cambia la Terra", punta ad attraversare l’Italia da nord a sud in nove tappe, a partire dal 28 luglio fino alla prima metà di ottobre

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Al via “La Compagnia del suolo”, nove tappe per analizzare la salute dei terreni agricoli

L'iniziativa, organizzata nell'ambito del progetto "Cambia la Terra", punta ad attraversare l’Italia da nord a sud in nove tappe, a partire dal 28 luglio fino alla prima metà di ottobre

Rete EducAzioni, la scuola in presenza è l’unica opzione

L'appello del coordinamento di cui fa parte tra gli altri il Forum Disuguaglianze Diversità, le Scuole senza zaino, Saltamuri e Asvis al governo e al ministro dell'istruzione. Per un'istruzione senza disparità

G20 a Napoli, il controvertice dell’ecosocialforum

Una tre giorni dal basso, di informazione, di confronto e di mobilitazione. Insieme i Fridays for future, Extinction Rebellion, Greenpeace e tanti comitati locali: sono le "bees against G20"

Formula 1, Vettel raccoglie i rifiuti sugli spalti di Silverstone

Uscito anzitempo al Gran Premio di Gran Bretagna il pilota tedesco ha deciso di dare una mano per ripulire il circuito di Silverstone

FestambienteSud, al via il 23 luglio la XVII edizione del Festival di Legambiente

Appuntamento dal 23 al 25 luglio a Monte Sant’Angelo e dal 31 luglio al 2 agosto a Vieste e in Foresta Umbra. Annunciati i Comuni Ricicloni e quelli virtuosi per la raccolta differenziata che riceveranno un premio speciale
Ridimensiona font
Contrasto