venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Marco Omizzolo: “Le agromafie saranno le prime a ripartire dopo il Covid-19”

caporalato

Stipati nei furgoni per raggiungere i campi dove per 12 ore al giorno, e a 4 euro l’ora, erano obbligati a raccogliere frutta e ortaggi senza mascherine né guanti. C’erano indiani, bangladesi, africani e anche italiani tra i braccianti schiavizzati da due società agricole di Latina, i cui titolari sono stati arrestati lo scorso 23 aprile. A dimostrazione del fatto che l’emergenza Covid-19 non ha affatto fermato lo sfruttamento nelle terre del caporalato. Aprendo, anzi, nuovi corridoi di illegalità per le organizzazioni criminali che muovono affari da decine di milioni di euro nell’agroalimentare italiano. Il sociologo Marco Omizzolo, che da anni denuncia le condizioni in cui nell’agro-pontino sono costretti a lavorare gli indiani della comunità Sikh, conosce bene queste dinamiche.

Perché l’emergenza sta esponendo a uno sfruttamento maggiore i braccianti?
In tutta Italia stiamo assistendo a un fenomeno di diffusione dello sfruttamento lavorativo dei braccianti, soprattutto stranieri, legato a diverse ragioni. In primis perché la filiera dell’agroalimentare è sempre rimasta attiva in questi mesi di lockdown. In secondo luogo perché c’è una sostanziale sospensione delle attività di controllo nelle campagne, il che
consente ai caporali di muoversi con maggiore libertà.

Che situazione si registra nell’agro-pontino?
Dall’inizio dell’emergenza in quest’area c’è stato un sensibile aumento dell’attività di reclutamento da parte di caporali, per lo più indiani o bangladesi che rispondo ai padroni italiani. I braccianti sono costretti a lavorare in condizioni ancora più dure rispetto al solito. I padroni tendono a massimizzare i profitti e, di conseguenza, fanno lavorare i braccianti più ore senza tener conto di alcun tipo di regola di prevenzione contro il contagio. Moltissimi braccianti sono costretti ad acquistare di tasca propria mascherine e guanti. Oltre che essere sbagliato, per loro è una spesa in più che va ad alleggerire ulteriormente stipendi medi che non superano i 600-700 euro. Con i braccianti costretti inizialmente a restare a casa, è aumentata la ricerca degli irregolari. È gente più ricattabile e meno propensa a denunciare. Un segnale dell’attivismo del caporalato è il via vai di furgoni che prelevano i lavoratori e li portano nelle campagne. Da queste parti non si vedevano da anni.

Le agromafie come stanno approfittando di questa situazione?
Nel Pontino c’è un problema legato soprattutto al mercato ortofrutticolo di Fondi, uno dei più grandi d’Europa e sul quale è certo il condizionamento delle mafie. In quest’area gravitano i casalesi, la ’ndrina Tripodo di Reggio Calabria, i corleonesi. Hanno acquistato terreni, fatto investimenti nelle attività agricole attraverso prestanome; investito pesantemente nella logistica e nei trasporti dei prodotti ortofrutticoli. Il sospetto che sta emergendo è che queste organizzazioni saranno le prime a ripartire dopo l’emergenza
Coronavirus perché dispongono di enormi capitali illeciti e in questo settore, con la richiesta di rifornimenti in crescita da parte di mercati e supermercati, non solo non si sono mai
fermate ma si sono anzi rafforzate. Il loro business annuale in Italia si aggira attorno ai 25 miliardi di euro. Il prossimo anno questo fatturato aumenterà ancora. Il rischio è che vengano infettate anche quelle realtà che finora hanno operato nella legalità ma che, andando in difficoltà a causa di questa crisi, potrebbero adesso far ricorso all’“aiuto” delle agromafie per non fallire.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

 

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto