domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

L’acqua è finita

acqua scarsa

E se un bel giorno dal rubinetto di casa, al posto del solito flusso copioso, l’acqua uscisse a gocce? Sapremmo cavarcela con dosi minime, ben al di sotto della razione a cui siamo abituati? Una razione abbondante, visto che ogni italiano consuma in media 245 litri di acqua al giorno. Nel mondo ci sono decine di milioni di persone che invece fanno i conti quotidianamente con la scarsità idrica, in molti Paesi intere regioni non hanno accesso all’acqua potabile. Con conseguenze drammatiche dal punto di vista sanitario e un tasso altissimo di mortalità infantile a causa delle infezioni.

Siamo dunque fortunati, anche se non ce ne rendiamo conto. Ma l’acqua non è una risorsa infinita, deve rigenerarsi e rendersi disponibile all’uso umano. E questo è un processo che richiede tempo, mentre la popolazione mondiale che ne ha bisogno cresce a una velocità maggiore. Inoltre, solo il 2,5% dell’acqua sulla Terra è dolce e appena lo 0,1% è accessibile all’uomo. E lo scenario futuro non è incoraggiante: gli scienziati stimano che entro il 2025 quasi due miliardi di persone vivranno il problema della scarsità idrica “assoluta”, ossia una disponibilità sotto la soglia dei 500 m3 all’anno a testa.

“Un mondo di gocce”, il progetto di Legambiente e Fondazione con il Sud per diffondere un uso sostenibile della risorsa acqua, ha questo obiettivo. Rendere i cittadini consapevoli della preziosità dell’acqua e impegnarli in forme di risparmio, nella riduzione degli sprechi, nel riutilizzo. Si rivolge agli studenti, alle famiglie, agli agricoltori, agli operatori del settore edile, a tutti quelli che nella loro attività quotidiana, personale o lavorativa, possono fare la differenza, senza sacrifici eccessivi, ma semplicemente cambiando abitudini, sapendo che l’acqua è una risorsa limitata, non va dissipata e non va inquinata. Se tutti fanno la loro parte, basta poco. Mettere i riduttori di flusso ai rubinetti e il doppio scarico al wc, usare lavatrici e lavastoviglie a pieno carico, raccogliere l’acqua piovana per bagnare le piante sul terrazzo, separare le acque grigie, quelle che finiscono nella fogna anche se ci siamo solo sciacquati le mani o fatto la doccia, per renderle utili per il giardino o per lavare l’automobile.

Oltre a quella che utilizziamo in casa, c’è, ovviamente l’acqua che beviamo. In questo, gli italiani detengono il primato europeo del consumo in bottiglia, con 206 litri di media a persona in un anno. A livello mondiale ci superano solo i messicani, che arrivano a 244. Una scelta, quella dell’acqua con l’etichetta, anche quando quella di fonte è buona, che ha un duplice effetto negativo. Il mare di plastica che inonda il pianeta (8 miliardi di bottigliette usa e getta all’anno) e l’iniquo business legato alle concessioni delle fonti: chi imbottiglia e vende acqua potabile gode di un giro d’affari che sfiora i 10 miliardi di euro all’anno.

Se usiamo l’acqua a casa per tutte le necessità quotidiane, indirettamente ne siamo consumatori anche per molte altre ragioni. La maggior parte serve all’agricoltura, che ne risucchia circa il 50%, ma l’acqua è necessaria anche per produrre alimenti e beni di cui facciamo largo consumo. Per produrre un chilo di carne di bovino, dall’allevamento alla macellazione, servono 15.400 litri di acqua, per fare un chilo di caffè ne occorrono 16.000, per una pizza margherita 1.200 e, sembra incredibile, 10 litri per un solo foglio di carta. Insomma, cominciare a pensare all’acqua come “fatta di gocce” è necessario per il pianeta, quindi anche per noi. I cambiamenti climatici e la scarsità di piogge da un lato e le nuove tecnologie già disponibili dall’altro, ci devono accompagnare verso stili di vita più sostenibili, insegnandoci a ridurre la nostra “impronta idrica”. A consumare in modo più responsabile una risorsa preziosa.      

info www.esperienzeconilsud.it/unmondodigocce

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto