domenica 25 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

La strada verso Glasgow è in salita

In vista della COP26, la conferenza intermedia ha registrato solo piccoli passi in avanti su alcuni aspetti tecnico-normativi. Ma aumenta la divisione tra Paesi ricchi e quelli poveri ai quali non sono ancora arrivati tutti i 100 miliardi di aiuti, impegno assunto a Copenaghen nel 2009, e sostegno per affrontare la pandemia

La strada verso Glasgow si fa sempre più in salita. La crisi pandemica sta amplificando la divisione tra Paesi poveri e ricchi, con forti ripercussioni negative sui negoziati preparatori in vista della COP26.

La Conferenza intermedia, che si è tenuta virtualmente dal 31 maggio al 17 giugno, ha infatti registrato solo piccoli passi in avanti su alcuni aspetti tecnico-normativi riguardanti il completamento del Paris Rulebook, ossia del regolamento attuativo indispensabile per consentire la piena operatività dell’Accordo di Parigi.

Cruciale fattore divisivo continua a essere il mancato rispetto da parte dei Paesi industrializzati dell’impegno, assunto a Copenaghen nel 2009, di garantire ai Paesi più poveri entro il 2020 un aiuto economico di 100 miliardi di dollari l’anno per ridurre le loro emissioni ed adattarsi ai cambiamenti climatici. Mancano ancora almeno 20 miliardi, secondo le stime più ottimistiche dell’OCSE, per raggiungere i 100 miliardi promessi. Risorse vitali per il futuro delle comunità più povere e vulnerabili del pianeta. Basti pensare che i soli costi annui di adattamento per queste comunità già ammontano a 70 miliardi di dollari e l’Unep stima che nel 2030 raggiungeranno i 300 miliardi.

Per di più la situazione economica e sociale in queste comunità si è drammaticamente aggravata con la pandemia. E così si è innescata una pericolosa spirale di sfiducia tra Paesi poveri e ricchi. Spirale che rischia di avvitarsi compromettendo il successo della Conferenza di Glasgow. Al mancato rispetto dell’impegno economico di 100 miliardi l’anno per l’azione climatica si è aggiunta la promessa tradita di aiuti adeguati a fronteggiare la crisi pandemica, facendo così venir meno quel clima di fiducia che consentì nel dicembre 2015 il raggiungimento dell’Accordo di Parigi.

Per iniziare a ristabilire il necessario clima di fiducia servono risposte immediate e concrete, a partire dai vaccini, che i Paesi poveri si aspettavano già dal G7, tenutosi il 12-13 giugno in Cornovaglia, e che purtroppo non sono arrivate. I Paesi industrializzati, insieme alla rinuncia ai brevetti sui vaccini, devono immediatamente mettere in campo un programma di sostegno alla vaccinazione nei Paesi più poveri del pianeta. Sino ad ora in questi paesi solo il 2% della popolazione è stata vaccinata e con modesti investimenti è possibile colmare il gap (vedi grafico) con gli altri paesi. Secondo le ultime stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), servono solo 50 miliardi di dollari per vaccinare il 40% della popolazione mondiale entro la fine dell’anno ed il 60% entro il primo semestre del 2022.

Nello stesso tempo la Presidenza britannica della COP26, in vista della riunione ministeriale che si terrà in presenza a Londra il 25-26 luglio, deve subito mettere a punto una Roadmap verso Glasgow, che consenta nei prossimi quattro mesi di trovare in modo trasparente soluzioni ambiziose e condivise ai principali nodi negoziali: finanza climatica; aumento degli impegni di riduzione in linea con l’obiettivo di 1.5°C; e completamento del Paris Rulebook per consentire la piena operatività dell’Accordo di Parigi. Un ruolo importante è chiamato a giocare il governo italiano. Non solo con la Pre-COP che si tiene a Milano dal 30 settembre al 2 ottobre. Ma anche come Presidente di turno del G20. Un contributo importante dovrà darlo il G20 dei Ministri delle finanze che si terrà a Venezia l’11 luglio e che ha il clima al centro della sua agenda. E soprattutto il Summit G20 con i Capi di stato e di governo che si tiene a Roma il 30 e 31 di ottobre, proprio alla vigilia dell’apertura della COP26 a Glasgow.

grafico somministrazioni dosi vaccino covid

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Mauro Albrizio
Mauro Albrizio è responsabile dell'ufficio europeo di Legambiente a Bruxelles

Articoli correlati

FestambienteSud parte dall’economia circolare, l’agroecologia e la musica di Daniele Sepe

Al via della XVII edizione del festival nazionale di Legambiente per il Sud l’ecoforum e un incontro sull’economia circolare. In serata il concerto di Daniele Sepe . Il video racconto della prima giornata di FestambienteSud 2021

Azione climatica, l’impegno europeo per ridurre le emissioni è ancora insufficiente

Il nuovo Pacchetto legislativo Clima-Energia “Fit for 55” proposto dalla Commissione lo scorso 14 luglio è inadeguato a fronteggiare la crisi climatica e a mantenere vivo l’obiettivo di 1.5°C. Un obiettivo ambizioso ma possibile

G20, Cingolani: “Raggiunto un accordo unico sulla tutela della natura”, in piazza cresce la protesta

Secondo il ministro il documento riprende la visione del Pnrr italiano: tutela degli ecosistemi e della biodiversità, economia circolare, finanza green I difficili negoziati sulla transizione ecologica

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Al via “La Compagnia del suolo”, nove tappe per analizzare la salute dei terreni agricoli

L'iniziativa, organizzata nell'ambito del progetto "Cambia la Terra", punta ad attraversare l’Italia da nord a sud in nove tappe, a partire dal 28 luglio fino alla prima metà di ottobre

Elettromagnetismo, continua il tentativo di innalzare i limiti di legge

In queste settimane, grazie alla vigilanza della società civile, si è scongiurato il rischio di emendamenti per aumentare da 6 v/m a 61 v/m. Ma la battaglia in Parlamento non è ancora finita

Rete EducAzioni, la scuola in presenza è l’unica opzione

L'appello del coordinamento di cui fa parte tra gli altri il Forum Disuguaglianze Diversità, le Scuole senza zaino, Saltamuri e Asvis al governo e al ministro dell'istruzione. Per un'istruzione senza disparità

G20 a Napoli, il controvertice dell’ecosocialforum

Una tre giorni dal basso, di informazione, di confronto e di mobilitazione. Insieme i Fridays for future, Extinction Rebellion, Greenpeace e tanti comitati locali: sono le "bees against G20"

Formula 1, Vettel raccoglie i rifiuti sugli spalti di Silverstone

Uscito anzitempo al Gran Premio di Gran Bretagna il pilota tedesco ha deciso di dare una mano per ripulire il circuito di Silverstone
Ridimensiona font
Contrasto