giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

La Siberia continua a bruciare

immagine di un incendio in Siberia

Non si arresta in Russia l’ondata di incendi che ha travolto vaste aree del Paese da giorni. Su tutto il territorio nazionale sono oltre 150 gli incendi boschivi che si stanno estinguendo. Ma almeno altri 300 sono in corso, in zone difficili da raggiungere. Ad oggi il bilancio dei danni causati dalle fiamme è pesantissimo: sono stati infatti bruciati circa tre milioni di ettari di territorio, con il fumo che ha raggiunto anche alcune zone della Mongolia.

La situazione in Siberia

Resta difficile da gestire anche la situazione in Siberia dove il surriscaldamento di diverse aree ha seccato gli acquitrini pieni di torba la quale, essiccandosi, è andata in fiamme facilmente distruggendo finora almeno 3,2 milioni di ettari di foresta. Nonostante si tratti di dinamiche piuttosto note, quest’anno la situazione appare nettamente peggiore rispetto al passato. Il ministero delle Risorse naturali russo ha riferito che l’area delle foreste colpita da incendi ha un’estensione superiore del 12% rispetto al 2018. I roghi sono in corso dall’inizio di luglio con lo stato d’emergenza introdotto nella regione di Irkutsk, nel territorio di Krasnoyarsk, in due distretti della Buriazia e in una regione della Yakuzia. Il paradosso è che di fronte agli incendi per giorni le amministrazioni locali sono rimaste ferme. Un regolamento in vigore in Russia, infatti, prevede che si può non intervenire finché i roghi non minacciano i centri abitati, se i costi delle operazioni di estinzione superano i possibili danni causati dai roghi.

Putin invia l’esercito in Siberia

La gravità della situazione ha spinto il governo centrale di Mosca a intervenire. Il 30 luglio il premier, Dmitri Medvedev, ha presieduto una riunione d’emergenza con i responsabili dei ministeri coinvolti e ha incaricato il ministero dell’Ambiente, Dmitry Kobylkin, di recarsi in Siberia per valutare personalmente la situazione. Mentre il 31 luglio il presidente Vladimir Putin ha inviato alcune unità anti-incendio dell’esercito per tamponare l’emergenza. Il Ministero della Difesa ha dispiegato dieci aerei e dieci elicotteri anti-incendio nella regione di Kransojarsk, una delle più colpite, dove operano al momento circa 800 vigili del fuoco.

Le proteste sui social

Sui social network non sono tardate a diffondersi le proteste per la lentezza degli interventi delle autorità russe. Gli hashtag #SalvateLaSiberia e #LaSiberiaBrucia sono diventati gli slogan della protesta, mentre designer e artisti e personaggi dello showbiz russo hanno lanciato appelli al governo perché acceleri gli interventi. Nel mirino delle critiche sono finiti diversi governatori locali, primo tra tutti quello di Krasnoyarsk, Aleksandr Uss, il quale aveva dichiarato che “gli incendi sono fenomeni naturali comuni e combatterli è senza senso; a nessuno viene in mente di affondare un iceberg per rendere più tiepida la temperatura in inverno”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto