domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

La procura di Locri accusa Mimmo Lucano di associazione per delinquere

 

primo piano di Mimmo Lucano

Il 23 dicembre i magistrati della procura di Locri hanno concluso l’inchiesta sul sindaco di Riace, ora sospeso, Domenico “Mimmo” Lucano e si apprestano a decidere, a breve, se chiederne il rinvio a giudizio. Gli inquirenti hanno notificato a Lucano e agli altri trenta indagati dell’inchiesta Xenia condotta dai finanzieri del gruppo di Locri, l’avviso di conclusione indagini. Un atto che Lucano si aspettava e di fronte al quale continua a manifestare tranquillità, anche se vi sono contenute le accuse più gravi ipotizzate già in un primo momento dai magistrati ma respinte dal gip nell’ordinanza che il 2 ottobre mandò il sindaco di Riace agli arresti domiciliari.

In quella occasione il gip contestò il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e illeciti nell’affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti, ma respinse le ipotesi dei pm in relazione ai reati di associazione per delinquere, truffa, falso, concorso in corruzione, abuso d’ufficio e malversazione. Reati sui quali la procura insiste e su cui pende ancora il ricorso presentato dai pm al tribunale del Riesame contro il rigetto deciso dal gip.

“Sono tranquillo con la mia coscienza perché non ho fatto niente, anzi ho cercato di aiutare umanamente e non mi sono approfittato di nulla neanche sul piano economico – è stato il commento di Lucano – Non ho proprietà né conti correnti, come ho detto sin dal primo momento. Dopo tanto tempo hanno potuto verificare tutto su di me. Gli avvocati mi hanno detto che è un fatto normale anzi è positivo perché hanno chiuso e vuol dire che non ci sono altre cose e che quelli sono i capi di imputazione”.

Oggi Lucano, che dal 16 ottobre ha lasciato i domiciliari ma è sottoposto al divieto di dimora nel suo comune, dovrà decidere insieme ai suoi avvocati se farsi sentire nuovamente dai pm o depositare un’istanza scritta. Poi dovrà attendere le decisioni della procura e, molto probabilmente, affrontare la richiesta di rinvio a giudizio. Un passaggio importante per l’uomo che dal 1998, in occasione dello sbarco di duecento profughi curdi, ha trasformato quello che era in un borgo fantasma, spopolato dalla mancanza di futuro, in un caso internazionale. Un modello di accoglienza che nel 2016 gli è valso l’inserimento, al 40mo posto, nella classifica dei cinquanta leader più influenti del mondo stilata dalla rivista americana “Fortune” e che ha fatto di Riace un sinonimo di integrazione e non più soltanto il paese del ritrovamento dei Bronzi. “C’è chi ci giudica e sapranno loro cosa fare. Mi auguro che prevalga la coscienza” ha detto Lucano.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto