martedì 26 Gennaio 2021

La disuguaglianza è una scelta. Serve un cambio di rotta

Disuguaglianze

Il 25 marzo alle ore 10 al Teatro de’ Servi di Roma, il Forum Disuguaglianze e Diversità presenta il rapporto “15 Proposte per la giustizia sociale”: un pacchetto di proposte di politiche pubbliche e azioni collettive che intervengono su tre meccanismi di formazione della ricchezza: il cambiamento tecnologico, la relazione tra lavoro e impresa, il passaggio generazionale. Tra il 1995 e il 2016 la quota di ricchezza dell’1% più ricco della popolazione adulta è passata dal 18% al 25%, quella del 10% più ricco dal 49% al 62%. Le grandi disuguaglianze di ricchezza e di reddito, di accesso ai servizi essenziali, di riconoscimento dei nostri valori e aspirazioni, hanno prodotto una società fortemente lacerata dove l’ingiustizia sociale e la percezione della sua ineluttabilità sono all’origine dei sentimenti di rabbia e di risentimento dei ceti deboli verso i ceti forti e della “dinamica autoritaria” in atto.

Una frase continuamente ripetuta per scoraggiare ogni pretesa di cambiamento è che “non ci sono alternative”. È invece giusto ridurre le disuguaglianze ed è possibile farlo perché sono frutto di scelte errate. Ispirandoci al Programma di Azione di Anthony Atkinson abbiamo elaborato, in oltre cento persone, un gruppo di proposte radicali che consentono una redistribuzione di potere e favoriscono soluzioni concrete e fra loro fortemente integrate. Al tempo stesso molte di esse si prestano a essere immediatamente sperimentate e offrono un terreno per un confronto acceso, aperto, informato e ragionevole. 

Verranno presentate proposte per un cambiamento tecnologico che diffonda il controllo sulla conoscenza, invertendo l’attuale processo di concentrazione. E che riduca così le disuguaglianze nella distribuzione tra profitti e salari, nella dignità e nell’autonomia del lavoro, nell’equilibrio uomo-donna in merito ai tempi di cura e assistenza, nella realizzazione degli indispensabili interventi per la transizione energetica, nell’uso che viene fatto della massa di dati che immettiamo in rete. Un cambiamento tecnologico che ridia a tutti noi il controllo sugli algoritmi di apprendimento automatico.

Verranno presentate proposte che intervengono sulla relazione fra lavoro e impresa, per ridare al lavoro dignità salariale e nelle sue condizioni di impiego, una voce sulle scelte strategiche delle imprese e l’autonomia necessaria per affrontare la volatilità della domanda e dei mercati. Accrescere il potere del lavoro è un requisito irrinunciabile per innalzare la giustizia sociale. Richiede oggi la combinazione di antiche e nuove tutele e un nuovo dialogo tra lavoro e cittadinanza attiva.

Verranno presentate proposte per affrontare con giustizia il passaggio generazionale quando i giovani e le giovani iniziano a costruire un piano di vita e pesa su di loro, non solo il contesto familiare e sociale e l’istruzione ricevuta, ma anche la ricchezza della propria famiglia. È così che rischiano di accentuarsi le disuguaglianze di opportunità indipendentemente da ogni merito e si accelera la concentrazione della ricchezza. E’ quindi necessario un intervento che mescoli le carte, accrescendo la libertà sostanziale dei giovani e delle giovani appartenenti ai ceti deboli.

Gli interlocutori diretti sono i partiti, che la Costituzione individua come luogo primario “per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale” (art. 49) e i soggetti che, nel mondo della cultura e del lavoro, della produzione e della cittadinanza attiva, della scuola e della salute, dell’ospitalità e della rete digitale, vogliono farsene promotori.

Registrazione obbligatoria tramite mail: s.vaccaro@forumdd.org

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Tutte le verità sul biometano

Siamo il quarto Paese al mondo per numero di impianti di produzione di biogas e biometano dalla frazione organica dei rifiuti e dagli scarti agroalimentari. Ma l’opinione pubblica è diffidente, anche perché informata poco e male

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”