giovedì 21 Gennaio 2021

“La Carta dell’Energia è un freno a mano per le rinnovabili”

Carta dell'energia freno alle rinnovabili

È un vero e proprio attacco alle finanze pubbliche quello portato avanti da molti investitori del settore energetico, che stanno facendo causa ai governi per ottenere compensazioni che superano i 35 miliardi di dollari. Tutto grazie ad un accordo internazionale poco conosciuto, il Trattato sulla Carta dell’Energia. Un accordo sottoscritto nel 1994 da 52 paesi e in vigore dal 1998, nato per favorire gli investimenti energetici e la transizione alle rinnovabili, ma utilizzato dalle imprese per fare causa agli stati che minacciano i loro profitti. Il trattato, infatti, prevede un sistema di risoluzione delle controversie tra investitore e stato (ISDS) che consente ai privati di chiedere compensazioni virtualmente illimitate contro politiche pubbliche sgradite, utilizzando corti sovranazionali presiedute da un’élite di arbitri commerciali, che intavolano udienze a porte chiuse i cui atti non sono trasparenti.

Il ruolo di freno a mano che la Carta dell’Energia sta giocando per le politiche favorevoli alle rinnovabili è messo nero su bianco dal nuovo rapporto delle ong Corporate Europe Observatory e Transnational Institute, 96 pagine di rivelazioni che disegnano uno scenario preoccupante.

Secondo Cecilia Olivet, ricercatrice del Transnational Institute e coautrice del rapporto, «questo accordo è un ostacolo per la sfida chiave del nostro tempo: il riscaldamento globale. Nel momento in cui tutta l’attenzione dovrebbe essere concentrata sullo scongiurare una catastrofe climatica, non c’è spazio per un accordo che rende illegali molte delle soluzioni al problema. Ora è il momento per gli Stati di abbandonare il trattato».

Secondo il dossier, aggiornato al giugno 2018, il Segretariato della Carta elenca un totale di 114 ricorsi depositati da investitori privati. Non essendo obbligatorio pubblicare questi dati, il totale effettivo potrebbe essere molto più alto. Oltre al numero assoluto, è preoccupante il trend: nei primi 10 anni di vita dell’accordo sono stati registrati solo 19 casi (1998-2008), mentre negli ultimi cinque anni (2013-2017) le cause intentate dagli investitori sono state 75. Anche i bersagli stanno cambiando: nei primi 15 anni dell’accordo, nove volte su dieci gli imputati erano stati dell’Europa centro-orientale e dell’Asia centrale. Oggi la Spagna e l’Italia sono in testa alla lista dei Paesi più colpiti.

Non di rado le corporation chiedono di essere risarcite per la perdita dei “profitti attesi”, benefici non ancora goduti ma soltanto stimati. La compagnia petrolifera Rockhopper, ad esempio, non pretende dall’Italia solo i 40-50 milioni di dollari spesi per esplorare un giacimento petrolifero nel mare Adriatico nel controverso progetto Ombrina mare, bloccato da una virulenta reazione popolare sostenuta dalle amministrazioni locali. Vuole ottenere altri 200-300 milioni per mancati guadagni ipotetici, mandati a monte dal divieto italiano di nuove estrazioni di petrolio e gas entro le 12 miglia marine. E tutto questo nonostante dal 2016 l’Italia sia uscita dalla Carta dell’Energia. Infatti, la protezione degli investimenti esteri con il meccanismo arbitrale è garantita per vent’anni dal momento dell’abbandono da parte di un Paese membro.

Le cifre chieste in compensazione sono variabili, ma preoccupano i 16 casi in cui le imprese hanno chiesto oltre 1 miliardo di dollari di danni. I costi medi di una causa si aggirano sugli 11 milioni di dollari. Finora i governi sono stati multati per 51,2 miliardi di dollari, denaro sottratto alle casse pubbliche e che, per fare un paragone, basterebbe a garantire per un anno l’accesso all’energia a tutte le persone che ne sono escluse.

Tra i 153 investitori che in questi anni hanno fatto causa agli stati utilizzando il Trattato sulla Carta dell’Energia, vi sono diverse società registrate nei Paesi Bassi, in Germania, nel Lussemburgo, nel Regno Unito o a Cipro. Molto frequenti i casi di abuso dello strumento arbitrale da parte di imprese fantasma, utili soltanto per effettuare le triangolazioni necessarie a muovere i ricorsi dal paese più congeniale. Sta crescendo, inoltre, il ruolo degli speculatori finanziari come gli investitori di portafoglio e le holding. Nell’88% delle cause intentate per tagli alle politiche di sostegno alle energie rinnovabili in Spagna, il richiedente non è un’impresa del settore, ma un fondo azionario o altro tipo di investitore finanziario, spesso con interessi nei settori di carbone, petrolio, gas e nucleare.

Un ristretto numero di avvocati specializzati in arbitrati domina il processo decisionale delle corti previste dal Trattato. Appena 25 di loro hanno gestitoil 44% dei casi, mentre due terzi hanno anche svolto attività di consulenza legale in controversie avviate in seno ad altri trattati di investimento. Questo doppio ruolo ha portato a crescenti preoccupazioni per i conflitti di interesse e la scarsa trasparenza del meccanismo. Un sistema strutturalmente iniquo, in cui la parte dell’accusa spetta sempre e solo all’investitore, mentre lo stato compare unicamente nelle vesti di imputato.

La possibilità di vincere gli arbitrati commerciali è piuttosto alta: secondo il rapporto,nel 61% dei casi passati in giudicato gli investitori privati hanno ottenuto sentenze favorevoli. Questo spiega il ruolo crescente di finanziatori terzi, come i fondi di investimento, che spesso sostengono le spese legali delle imprese in cambio di una quota dei risarcimenti ottenuti a danno degli stati.

Nel marzo 2018 la Corte di Giustizia Europea ha stabilito che i procedimenti ISDS tra paesi dell’Unione intentati ai sensi di trattati bilaterali violano il diritto europeo perché limitano il ruolo delle corti comunitarie. Ma intanto molte nazioni di tutto il mondo stanno aderendo alla Carta dell’Energia (Giordania, Yemen, Burundi e Mauritania quelli in cui il processo è più avanzato; Pakistan, Serbia, Marocco, Swaziland, Ciad, Bangladesh, Cambogia, Colombia, Niger, Gambia, Uganda, Nigeria e Guatemala quelli che hanno iniziato le pratiche di ingresso).

«Il Trattato sulla Carta dell’Energia offre ancora più potere alle corporations che stanno distruggendo il pianeta e hanno commesso serie violazioni dei diritti umani – dichiara Pia Eberhardt, del Corporate Europe Observatory, una delle autrici del rapporto – Sarebbe pura follia se altri Paesi siglassero questo accordo quando invece dovrebbero costringere le multinazionali a ripulire i loro disastri ecologici a beneficio delle comunità locali».

Francesco Panié
Giornalista ambientale. per La Nuova Ecologia cura inchieste e approfondimenti su globalizzazione. inquinamento. clima. agricoltura e beni comuni. twitter @francesco.panie

Articoli correlati

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia

Sequestrato allevamento “lager” di 859 cani a Trecastelli, provincia di Ancona

Chihuahua, barboncini e maltesi maltrattati. Legambiente: "Gestione criminale, priva delle basilari attenzioni. Emergenza sanitaria senza precedenti, il più grande focolaio di brucellosi in Europa. Priorità assoluta alla salute di animali e persone”

I “Marcelli” che abitavano il futuro

Dal mensile di gennaio - Cini e Buiatti ci hanno insegnato che la scienza non è neutrale e neanche un’opinione. Parole che sono un faro oggi, fra comunicazioni scientifiche e di marketing sui vaccini, necessità di trasparenza dei dati e loro segretezza, rassicurazioni e negazionismo 

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia

Sequestrato allevamento “lager” di 859 cani a Trecastelli, provincia di Ancona

Chihuahua, barboncini e maltesi maltrattati. Legambiente: "Gestione criminale, priva delle basilari attenzioni. Emergenza sanitaria senza precedenti, il più grande focolaio di brucellosi in Europa. Priorità assoluta alla salute di animali e persone”

I “Marcelli” che abitavano il futuro

Dal mensile di gennaio - Cini e Buiatti ci hanno insegnato che la scienza non è neutrale e neanche un’opinione. Parole che sono un faro oggi, fra comunicazioni scientifiche e di marketing sui vaccini, necessità di trasparenza dei dati e loro segretezza, rassicurazioni e negazionismo 

Progetto Ecco, nasce a Palermo il Ri-Hub della rigenerazione

Una collaborazione tra realtà locali per recuperare apparecchiature elettroniche. La partecipazione è aperta a tutti

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"