martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Italian Aerosol Society: “Nessuna evidenza scientifica sul rapporto tra inquinamento e Coronavirus”

Bologna avvolta nello smog

È di qualche giorno fa la notizia che l’inquinamento atmosferico abbia favorito la diffusione del Covid-19, un’ipotesi avanzata da una ricerca della Società italiana di medicina ambientale (Sima) in collaborazione con diverse Università italiane. Quest’annuncio ha destato grande interesse e ricevuto un’ampia eco mediatica (ne abbiamo parlato anche noi, qui).

Tuttavia, l’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) condivide la posizione e le considerazioni della nota informativa redatta dall’Italian Aerosol Society  (Ias) in cui si spiega che la correlazione tra inquinamento atmosferico e diffusione del virus non indica necessariamente un rapporto di causa-effetto.

Nella nota, l’Ias dichiara che nonostante l’esposizione ad alte concentrazioni di PM10 aumenti la suscettibilità a malattie respiratorie croniche e cardiovascolari, e nonostante questa condizione possa peggiorare la situazione sanitaria dei contagiati, le attuali conoscenze relative all’interazione tra i livelli di inquinamento e il Coronavirus sono ancora molto limitate. A oggi non è stato dimostrato alcun effetto di maggiore suscettibilità al contagio dovuto all’esposizione alle polveri atmosferiche. Le alte concentrazioni di polveri, peraltro, sono frequentemente osservate nel nord Italia, soprattutto nella pianura Padana, durante il periodo invernale. È stato ipotizzato anche che il particolato atmosferico possa agire come substrato carrier per il trasporto del virus, aumentando così il ritmo del contagio. Anche questo aspetto, però, non è confermato dalle conoscenze scientifiche attualmente a disposizione, così come non sono ancora conosciuti il tempo di vita del virus sulle superfici, né i fattori che lo determinano.

È possibile che alcune condizione meteorologiche, tipicamente presenti nel nord Italia in questo periodo, quali la bassa temperatura e l’elevata umidità atmosferica, possano creare un ambiente che favorisce la sopravvivenza del virus; ma l’Ispra, l’Ias e tutti i soci ritengono prematura l’affermazione che esista un rapporto diretto tra superamento dei livelli di soglia del PM10 e contagi da Covid-19. L’ipotesi, per essere valida, dovrà prima essere accuratamente valutata con indagini estese e approfondite. 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto