sabato 28 Novembre 2020

Italian Aerosol Society: “Nessuna evidenza scientifica sul rapporto tra inquinamento e Coronavirus”

Bologna avvolta nello smog

È di qualche giorno fa la notizia che l’inquinamento atmosferico abbia favorito la diffusione del Covid-19, un’ipotesi avanzata da una ricerca della Società italiana di medicina ambientale (Sima) in collaborazione con diverse Università italiane. Quest’annuncio ha destato grande interesse e ricevuto un’ampia eco mediatica (ne abbiamo parlato anche noi, qui).

Tuttavia, l’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) condivide la posizione e le considerazioni della nota informativa redatta dall’Italian Aerosol Society  (Ias) in cui si spiega che la correlazione tra inquinamento atmosferico e diffusione del virus non indica necessariamente un rapporto di causa-effetto.

Nella nota, l’Ias dichiara che nonostante l’esposizione ad alte concentrazioni di PM10 aumenti la suscettibilità a malattie respiratorie croniche e cardiovascolari, e nonostante questa condizione possa peggiorare la situazione sanitaria dei contagiati, le attuali conoscenze relative all’interazione tra i livelli di inquinamento e il Coronavirus sono ancora molto limitate. A oggi non è stato dimostrato alcun effetto di maggiore suscettibilità al contagio dovuto all’esposizione alle polveri atmosferiche. Le alte concentrazioni di polveri, peraltro, sono frequentemente osservate nel nord Italia, soprattutto nella pianura Padana, durante il periodo invernale. È stato ipotizzato anche che il particolato atmosferico possa agire come substrato carrier per il trasporto del virus, aumentando così il ritmo del contagio. Anche questo aspetto, però, non è confermato dalle conoscenze scientifiche attualmente a disposizione, così come non sono ancora conosciuti il tempo di vita del virus sulle superfici, né i fattori che lo determinano.

È possibile che alcune condizione meteorologiche, tipicamente presenti nel nord Italia in questo periodo, quali la bassa temperatura e l’elevata umidità atmosferica, possano creare un ambiente che favorisce la sopravvivenza del virus; ma l’Ispra, l’Ias e tutti i soci ritengono prematura l’affermazione che esista un rapporto diretto tra superamento dei livelli di soglia del PM10 e contagi da Covid-19. L’ipotesi, per essere valida, dovrà prima essere accuratamente valutata con indagini estese e approfondite. 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,148FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”