venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

‘La montagna abbia anche spazi liberi da infrastrutture’. L’intervista a Umberto Martini

Serve un nuovo equilibrio fra ecologia, economia e società. “Va posto un freno alla ricerca continua di nuove aree dove portare lo sci di massa”

Il futuro del turismo invernale sulle Alpi, per Umberto Martini, docente di Economia e marketing territoriale all’Università di Trento, passa per la ricerca di un nuovo equilibrio fra ecologia, economia e società.

In che direzione dovrebbe andare il turismo invernale sulle Alpi?
Credo sia fondamentale non forzare la mano per mantenere un’offerta e un’organizzazione che hanno fatto il loro tempo. Da cinquant’anni il modello centrato sulla pratica dello sci da discesa ha permesso il successo di alcune stazioni sciistiche, non solo in Italia. Adesso serve un rinnovamento, da realizzare tenendo conto del paradigma della sostenibilità. Dal punto di vista ecologico, i problemi sono noti. Ma vanno considerate le dimensioni economica e sociale: molte località montane dipendono dalla doppia stagione turistica, estiva e invernale. Eliminare lo sci di massa avrebbe un impatto notevole e porterebbe allo spopolamento di alcune valli.

Come trovare un nuovo equilibrio?
Prima di tutto, data la situazione climatica, bisogna smettere di insistere sui comprensori a bassa quota: si rischia di fare un danno ambientale ed economico, con opere infrastrutturali costose che richiedono consumi ingenti di acqua ed energia per l’innevamento artificiale. E va posto un freno alla ricerca continua di nuove aree dove portare lo sci di massa. La montagna deve avere anche una dimensione libera da infrastrutture, lasciata alla wilderness. Invece sappiamo che la tendenza è puntare sull’ampliamento, perché ci sono interessi molto forti.

I grandi comprensori sciistici esistenti sono sufficienti a soddisfare la domanda?
Sì, infatti la vera questione è: perché continuare a ingrandire? La necessità di fare ampliamenti risponde forse a esigenze di investire in attività più vicine al settore dell’edilizia? Verrebbe da chiedersi se investiamo perché c’è bisogno di nuove piste oppure perché il modello di business sta in piedi a condizione che le società degli impianti possano gestire anche attività che non hanno a che fare direttamente con il trasporto delle persone, ma con la costruzione. Questo non lo dico in senso critico, è questione di modello di business. Resto convinto che, a un certo punto, si debba applicare il paradigma del limite.

Il turismo di massa legato allo sci ha sempre più bisogno di fondi pubblici.
In alcune valli in Svizzera e in Austria gli impianti di risalita sono considerati infrastrutture a uso pubblico, un volano di sviluppo, con un effetto moltiplicatore nell’economia del territorio. È l’argomento che anche in Italia viene portato a giustificazione del sostegno dato alle società che gestiscono gli impianti di risalita e le strutture annesse, cioè le piste e i sistemi di innevamento. Se l’investimento pubblico ha realmente un effetto moltiplicativo, allora è giustificato. Ma non si può dare per scontato che sia così. Quando, di fronte a società che generano perdite continue e consistenti, interviene il pubblico, si risponde a logiche di salvataggio, lontane dal generare un moltiplicatore di ricchezza. Userei questa discriminante per ragionare sull’utilità di investire denaro pubblico sugli impianti di risalita.

Leggi anche:
Il circo bianco tra in rosso e danni alle montagne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Elisa Cozzarini
Laureata in Scienze Politiche a Trieste, come giornalista si occupa di ambiente, e in particolare di fiumi, da oltre dieci anni. Si dedica al racconto del territorio del Friuli Venezia Giulia e del Veneto attraverso la scrittura, la fotografia e l'audiovisivo. Ha pubblicato diversi libri per Ediciclo/Nuovadimensione, tra cui "Radici liquide. Un viaggio inchiesta lungo gli ultimi torrenti alpini", 2018, finalista al Premio Mario Rigoni Stern.

Articoli correlati

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto