giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Mare Nostrum, bene comune. Intervista ad Alessandra Sensi

foto di Alessandra Sensi

di GRAZIA BATTIATO

“Il Mediterraneo è un bene comune. Un bene prezioso, a livello ambientale ed economico, di vitale importanza per i paesi della regione, che va tutelato attraverso la cooperazione transnazionale”. Alessandra Sensi, responsabile dei settori Ambiente ed Economia Blu presso il Segretariato di Union for Mediterranean (UpM), delinea a Nuova Ecologia le azioni che i 43 paesi membri hanno deciso di promuovere per affrontare il problema del marine litter. Ce ne parla a Barcellona, a margine di un incontro fra Interreg e Eni CBC Med, programmi europei di spicco nell’ambito della cooperazione mediterranea. Il meeting, il cui obiettivo è creare e consolidare sinergie per tutelare il Mediterraneo dai rifiuti in mare, ha coinvolto Legambiente con Common, nuovo progetto europeo mirato a capitalizzare, rafforzare ed espandere nel sud del Mediterraneo l’iniziativa Plastic Busters, lanciata dall’Università di Siena e labelizzata dall’UfM, che massimizzerà i risultati sull’impatto del marine litter anche nei paesi del Mediterraneo meridionale. Infatti, Common condurrà le sue attività di ricerca in sinergia e a supporto di Plastic Busters grazie a una serie di azioni congiunte tra Italia, Libano e Tunisia per affrontare il problema dei rifiuti in mare nell’ambito del più ampio approccio alla gestione integrata delle coste.

La missione di Union for Mediterranean è il dialogo e la cooperazione in tutto il bacino mediterraneo. Quali sono al momento le vostre priorità?
L’UfM rappresenta 43 Paesi ed è il framework istituzionale delle relazioni Euro-mediterranee. Essendo un’organizzazione politica la sua geografia va oltre i Paesi che si affacciano direttamente sul Mediterraneo, estendendosi anche a paesi come la Giordania – attualmente CoPresidente dell’UfM insieme all’Unione Europea – e la Mauritania. Tutti sono coinvolti in un dialogo paritario e volto a creare un’agenda positiva di collaborazione e cooperazione su sfide/questioni comuni, come per appunto, la Blue Economy, il climate change e il marine litter, che in questo momento sono priorità assolute. L’UfM lavora su tre livelli: il primo è quello delle dichiarazioni ministeriali, il secondo è quello dei gruppi di lavoro e il terzo livello è quello dei progetti.

Nell’ambito dei progetti, quali sono i frutti dello scambio tra i paesi del nord e del sud del Mediterraneo?
Il nostro approccio è basato su uno scambio reciproco che non va solo da nord a sud, ma anche da sud a nord, perché i Paesi del sud del Mediterraneo sono spesso portatori di best practices. Sono tanti i progetti in corso che li coinvolgono, e tra questi COMMON è quello che per primo è riuscito a ottenere il sostegno finanziario necessario per portare avanti azioni congiunte ed integrate sui rifiuti in mare tra Italia, Libano e Tunisia. Common può supportare Libano e Tunisia in attività chiave dell’intero ciclo del marine litter e beneficiare dell’esperienza di tutti gli altri progetti regionali sia su metodologie e misure di mitigazione del fenomeno che su strumenti di regolamentazione. Può quindi riuscire a massimizzare i risultati di altri progetti ed applicarli a Libano e Tunisia, anche facendo in modo che questi Paesi possano diventare portatori di best practices.

E l’Italia che ruolo può giocare per affrontare e ridurre il marine litter?
L’Italia ha una massa critica molto consistente, formata da ricercatori, organizzazioni non governative ed enti istituzionali e non, con competenze altissime e apprezzatissime a livello europeo e mondiale, che può giocare tutto in positivo. Però bisogna fare sistema, fare squadra. Giocare tutti insieme e nella stessa direzione per affrontare il marine litter in modo coordinato affinché ognuno – nell’ambito del proprio mandato, delle proprie capacità e del proprio ruolo – possa davvero contribuire ad un obiettivo comune. Il New Green Deal è un enorme passo in avanti.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto