giovedì 29 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Lotta all’inquinamento, sequestrato lo stabilimento Pipeplast di Monopoli

In data 6 Aprile, il Nucleo Operativo di Polizia Ambientale (NOPA) della Guardia Costiera di Bari ha sequestrato lo stabilimento industriale in agro di Monopoli, di proprietà di PIPEPLAST s.r.l., società di lavorazione e produzione di materie plastiche mediante trasformazione di rifiuti speciali. Il decreto è stato emesso dal G.I.P. del Tribunale di Bari, su richiesta dei magistrati del pool “Ambiente” della Procura, e l’operazione è stata denominata #VOGLIAMORESPIRARE.

Molti rifiuti speciali, maleodoranti e privi di copertura, come fanghi costituenti scarti di produzione aziendale, sono stati spostati in ambiente esterno, sebbene l’azienda fosse stata destinataria, fin dall’aprile 2016, di specifiche prescrizioni per l’installazione di un impianto di deodorizzazione.

A questo si aggiungono i lavori edilizi fatti dalla società sul piazzale antistante l’opificio, lavori edilizi abusivi. Inoltre, l’impianto di trattamento delle acque e quello antincendio erano incompleti e non certificati.Francesco Tarantini e Daniela Salzedo, presidenti di Legambiente Puglia e Legambiente Monopoli, hanno commentato:

L’operazione #VOGLIAMORESPIRARE rappresenta il primo passo per la messa in sicurezza del nostro territorio. Esprimiamo piena soddisfazione alla Guardia Costiera di Bari per aver posto i sigilli alla Pipeplast di Monopoli: finalmente si dà ragione alle centinaia di segnalazioni e all’impegno delle associazioni, nonché a una mobilitazione collettiva che, soprattutto nell’ultimo anno, ha visto la cittadinanza impegnata in un’unica direzione. Tuttavia, consideriamo ciò un primo timido passo verso un’evoluzione della tutela ambientale. Questa vicenda sottolinea ulteriormente come Monopoli abbia bisogno di un monitoraggio ambientale integrato di terra, mare e cielo. Non è più possibile improvvisare affidandosi alle valutazioni soggettive dei cittadini. È stato appurato l’intaccamento di una falda acquifera: abbiamo la certezza sul ciclo di utilizzo della stessa falda in un territorio in cui il settore agricolo la fa da padrone? Chiediamo che questo episodio sia l’input per la verifica di tutti i siti industriali presenti sul territorio e che, chi di dovere, metta al primo posto la tutela del territorio nella gestione della città. Chiediamo inoltre alle autorità competenti che si impegnino a integrare il monitoraggio ambientale e, soprattutto, che non si ritenga questo episodio la risoluzione di tutti i problemi“.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Roberto Danovaro: “Per vivere bene sul pianeta abbiamo bisogno dell’oceano sano”

Dal mensile. Professore di Biologia marina e presidente della Stazione zoologica “Anton Dohrn”, spiega perché è importante studiare i mari e quanto resta ancora da fare per tutelare quelli italiani

Scrigno d’acqua

Dal mensile. Biodiversità, cibo, energia, materie prime. I servizi ecosistemici che rendono possibile la vita sulla Terra possono nutrire l’economia del futuro. Se gli ecosistemi marini saranno ben tutelati
Ridimensiona font
Contrasto