venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Obiettivo Sarno

Durante la quarantena anche il Sarno, il fiume più inquinato d’Europa, aveva perso la torbidezza. In alcuni tratti mostrava addirittura una limpidezza dimenticata. Ma con la ripresa delle attività agricole e di quelle industriali è immediatamente tornato a macchiarsi, ad accumulare veleni e scarichi illegali. Il colore e la trasparenza non sono però sempre buoni indicatori di pulizia delle acque: sebbene nel mese di aprile le concentrazioni di metalli pesanti, primo fra tutti il cromo, siano diminuite, le analisi effettuate dall’Arpa Campania hanno mostrato come, a causa del maggiore apporto delle acque di scarico delle abitazioni, la concentrazione di Escherichia coli, indicatore della contaminazione fecale, sia aumentata in diversi punti del fiume. «Quella del Sarno è una storia di mala depurazione e degrado di interi bacini fluviali. I circoli di Legambiente coinvolgono attivamente da anni la cittadinanza, attraverso campagne di monitoraggio e progetti, per sensibilizzare e denunciare lo stato in cui versano le acque del fiume – commenta Antonio Giannattasio della segreteria di Legambiente Campania – Quella per il suo disinquinamento è una vertenza storica di Legambiente, iniziata più di trent’anni fa, quando nel ’92 l’inquinamento delle acque arrivò a livelli tanto alti da dichiarare “area ad elevato rischio di crisi ambientale” il bacino del Sarno».
Un bacino di 540 chilometri quadrati in cui insiste una popolazione di circa un milione di abitanti: 38 comuni in totale, distribuiti nelle province di Avellino, Salerno e Napoli. Molti dei quali non dispongono, ad oggi, di un’adeguata rete fognaria e di collettamento agli impianti di depurazione, riversando le acque reflue domestiche direttamente nel Sarno. All’inquinamento civile si aggiunge quello industriale, i cui scarichi, soprattutto associati alla concia delle pelli e al settore stagionale conserviero, colorano le acque di bruno o di rosso, saturandole di metalli pesanti. Infine l’inquinamento agricolo, con uso di pesticidi e fertilizzanti, e quello legato ai rifiuti solidi che giungono nel golfo di Napoli. Quello del Sarno è un autentico disastro ambientale a cui, sparita la trasparenza e tornato l’assortimento di tonalità, le autorità regionali e le istituzioni politiche stanno cercando di porre rimedio. Il rafforzamento dei controlli, iniziato con il censimento di 247 attività produttive, ha condotto negli ultimi due mesi all’individuazione di oltre quaranta scarichi abusivi. «Il lockdown ha aumentato la consapevolezza sul problema, i controlli si sono intensificati e con questi la lotta contro l’illegalità – conclude Antonio Giannattasio – Spero che l’attenzione sul bacino del Sarno resti alta. È un’area di eccellenze industriali e agricole che devono puntare sulla sostenibilità per valorizzare l’ambiente circostante e restituire benessere alla collettività».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto