lunedì 27 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Inquinamento: Regioni e Comuni inadempienti pagheranno la multa

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Presto anche Lombardia. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l’Italia per “violazione sistematica e continuata” delle norme

La Regione Emilia Romagna il 15 febbraio, il Piemonte il 26 febbraio, il Veneto il 2 marzo hanno approvato delibera di nuove “misure straordinarie” contro l’inquinamento dell’aria. Stavolta si deve fare sul serio, non si può più simulare. Perché? Perché il 10 novembre del 2020 la Corte di Giustizia europea ha condannato l’Italia per dieci anni di “violazione sistematica e continuata” delle norme sull’inquinamento in quasi tutta la pianura Padana e in numerose altre città: la regione Toscana ha imposto il blocco della circolazione degli Euro 4 diesel a Firenze. Anche la Regione Lombardia prima o poi si deciderà.

Le promesse non bastano più

Stavolta le promesse non bastano, come spiega bene la stessa delibera veneta: entro due mesi si deve comunicare quanto si intende fare e l’Europa chiederà periodiche verifiche. Se l’inquinamento non diminuirà, scatterà subito la sanzione pecuniaria che – questa volta – non si spalma su tutti gli italiani perché “lo Stato italiano potrà rivalersi sui soggetti responsabili”, comprese le “amministrazioni responsabili dell’infrazione”.

La Regione Veneto rischia una sanzione pari a “400-600 milioni”, tra quota fissa e quota giornaliera (si paga per ogni giorno di inquinamento). La Regione Lombardia non ci ha ancora detto quanto rischia, ma probabilmente di più del Veneto. A loro volta Stato e Regioni si rifaranno sui comuni. I morti per inquinamento non hanno smosso la politica per anni. Ma ora si tocca il portafoglio.

Misure severe: dalle automobili all’agricoltura

Ecco perché Emilia Romagna, Piemonte e Veneto hanno deciso di adottare misure severe: blocco della circolazione di tutti i veicoli sino agli Euro 1 (anche a gas) e sino Euro 3 diesel per fasce orarie, degli Euro 4 diesel e Euro 2 benzina dal 1 ottobre 2021. In condizioni di emergenza di inquinamento dell’aria anche degli Euro 5 diesel (quelli dello scandalo “dieselgate”). E poi: rinnovo del trasporto pubblico con autobus elettrici (il metano, pur tollerato, inquina ormai come il gasolio). Obbligo di interramento concimi e coperture delle vasche liquami in agricoltura: l’allevamento intensivo è una delle cause di inquinamento e cambiamento climatico. Ed infine: efficienza e controlli nel riscaldamento degli edifici e così via. Probabilmente, tra poco, si “sveglierà” anche il presidente Attilio Fontana e, a cascata, di tutti i comuni interessati.

I comuni più avveduti stanno anticipando i tempi: Milano, Torino, Genova, Bologna o Mantova e Bolzano e tanti altri hanno cominciato a elaborare piani verso le “emissioni zero” con precisi obiettivi al 2030 e al 2050, come stanno facendo le principali industrie. Tutti sanno che Organizzazione mondiale della sanità e l’Europa stanno dimezzando i limiti di inquinamento. L’Europa, per prepararsi al vertice Onu sul clima a Glasgow di novembre, ha alzato l’ambizione: tagliare del 55% le emissioni entro il 2030 e ridurle a zero nel 2050. Sempre di più solo mezzi elettrici, pompe di calore e non più caldaie per riscaldare le abitazioni, pannelli solari su tutti i tetti. Ed infine dovremo cominciare a rendere a zero emissioni le strutture che in città consumano più energia, come i grandi centri commerciali.

Se non si trovano motivi sufficienti nella salute, nel benessere, nella solidarietà, facciamo almeno per soldi. Perché chi inquina respira male e, per giunta, paga.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Clima, migliaia di studenti in piazza a Roma

"Di chi è il futuro?". Questo lo slogan della prima grande manifestazione post Covid, che nel giorno dello sciopero mondiale ha riunito giovani e famiglie intasando il traffico della capitale. Le voci dal Global Strike

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto