sabato 19 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Inquinamento: Regioni e Comuni inadempienti pagheranno la multa

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Presto anche Lombardia. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l’Italia per “violazione sistematica e continuata” delle norme

La Regione Emilia Romagna il 15 febbraio, il Piemonte il 26 febbraio, il Veneto il 2 marzo hanno approvato delibera di nuove “misure straordinarie” contro l’inquinamento dell’aria. Stavolta si deve fare sul serio, non si può più simulare. Perché? Perché il 10 novembre del 2020 la Corte di Giustizia europea ha condannato l’Italia per dieci anni di “violazione sistematica e continuata” delle norme sull’inquinamento in quasi tutta la pianura Padana e in numerose altre città: la regione Toscana ha imposto il blocco della circolazione degli Euro 4 diesel a Firenze. Anche la Regione Lombardia prima o poi si deciderà.

Le promesse non bastano più

Stavolta le promesse non bastano, come spiega bene la stessa delibera veneta: entro due mesi si deve comunicare quanto si intende fare e l’Europa chiederà periodiche verifiche. Se l’inquinamento non diminuirà, scatterà subito la sanzione pecuniaria che – questa volta – non si spalma su tutti gli italiani perché “lo Stato italiano potrà rivalersi sui soggetti responsabili”, comprese le “amministrazioni responsabili dell’infrazione”.

La Regione Veneto rischia una sanzione pari a “400-600 milioni”, tra quota fissa e quota giornaliera (si paga per ogni giorno di inquinamento). La Regione Lombardia non ci ha ancora detto quanto rischia, ma probabilmente di più del Veneto. A loro volta Stato e Regioni si rifaranno sui comuni. I morti per inquinamento non hanno smosso la politica per anni. Ma ora si tocca il portafoglio.

Misure severe: dalle automobili all’agricoltura

Ecco perché Emilia Romagna, Piemonte e Veneto hanno deciso di adottare misure severe: blocco della circolazione di tutti i veicoli sino agli Euro 1 (anche a gas) e sino Euro 3 diesel per fasce orarie, degli Euro 4 diesel e Euro 2 benzina dal 1 ottobre 2021. In condizioni di emergenza di inquinamento dell’aria anche degli Euro 5 diesel (quelli dello scandalo “dieselgate”). E poi: rinnovo del trasporto pubblico con autobus elettrici (il metano, pur tollerato, inquina ormai come il gasolio). Obbligo di interramento concimi e coperture delle vasche liquami in agricoltura: l’allevamento intensivo è una delle cause di inquinamento e cambiamento climatico. Ed infine: efficienza e controlli nel riscaldamento degli edifici e così via. Probabilmente, tra poco, si “sveglierà” anche il presidente Attilio Fontana e, a cascata, di tutti i comuni interessati.

I comuni più avveduti stanno anticipando i tempi: Milano, Torino, Genova, Bologna o Mantova e Bolzano e tanti altri hanno cominciato a elaborare piani verso le “emissioni zero” con precisi obiettivi al 2030 e al 2050, come stanno facendo le principali industrie. Tutti sanno che Organizzazione mondiale della sanità e l’Europa stanno dimezzando i limiti di inquinamento. L’Europa, per prepararsi al vertice Onu sul clima a Glasgow di novembre, ha alzato l’ambizione: tagliare del 55% le emissioni entro il 2030 e ridurle a zero nel 2050. Sempre di più solo mezzi elettrici, pompe di calore e non più caldaie per riscaldare le abitazioni, pannelli solari su tutti i tetti. Ed infine dovremo cominciare a rendere a zero emissioni le strutture che in città consumano più energia, come i grandi centri commerciali.

Se non si trovano motivi sufficienti nella salute, nel benessere, nella solidarietà, facciamo almeno per soldi. Perché chi inquina respira male e, per giunta, paga.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Traffico illecito di rifiuti: 29 arresti in Calabria

Custodia cautelare in carcere per quindici degli indagati, domiciliari per gli altri. L'operazione diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

La siccità rischia di essere “la prossima pandemia”

Ad affermarlo è l'Onu in un nuovo report. Almeno 1,5 miliardi di persone sono state direttamente colpite in questo secolo con un costo stimato di 124 miliardi di dollari

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

“Tra le pagine del mare”, il concorso letterario che racconta le località costiere italiane

L'iniziativa è organizzata dall’Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani di Legambiente, in collaborazione con Primiceri Editore. Saranno selezionati brevi racconti inediti, ambientati nei centri del nostro Paese affacciati sul mare

Dal 18 al 27 giugno il Decrescita Felice Bike Tour 2021

La manifestazione è alla sua sesta edizione. Un percorso di 300 km a tappe per amanti delle due ruote organizzato da Movimento per la Decrescita Felice e Altri Mondi Bike Tour

Roma, il Festival circolare alla Città dell’altra economia

Dal 16 al 18 giugno in mostra i protagonisti e le esperienze del progetto di educazione alla cittadinanza globale “Metti in circolo il cambiamento”. Spazio alle tredici idee vincitrici e alle esperienze di imprenditoria circolare

Sos tartarughe marine

Legambiente lancia un numero unico per raccogliere le segnalazioni di tracce o di piccoli di tartaruga sui litorali italiani. Un invito a mobilitarsi in modo semplice, inviando un messaggio whatsApp o un sms al 349 2100989
Ridimensiona font
Contrasto