venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Inquinamento e Coronavirus: l’intervista a Roberto Bertollini

Un'immagine di Brescia avvolta nello smog

Docente di Epidemiologia ambientale all’Università di Lisbona e membro del Comitato
scientifico per la salute, l’ambiente e i rischi emergenti della Commissione europea, Roberto Bertollini si occupa della relazione fra ambiente e salute dagli anni ’90, quando ricopriva il ruolo di rappresentante dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) presso l’Unione Europea. L’abbiamo intervistato per discutere con lui della possibile correlazione fra Covid-19 e inquinamento atmosferico.

Ritiene che l’inquinamento possa avere un ruolo nella diffusione del Coronavirus?
Dopo tanti anni di lavoro, sono convinto che l’inquinamento rappresenti un grande fattore di rischio per l’insorgenza di malattie. In questo caso, però, è necessario essere molto cauti e non farsi condizionare da apparenti correlazioni. L’ipotesi più plausibile è che l’apparato
respiratorio di persone più esposte all’inquinamento sia indebolito, come quello di un
fumatore. In quest’ottica potrebbe essere considerato un fattore favorente per il progredire
della malattia, ma non mi sento di concludere che sia stato l’elemento determinante per
l’esplosione dell’epidemia: è necessario approfondire ancora l’argomento dal punto di vista
scientifico.

Che cosa intende per correlazioni?
Gli studi di correlazione ecologica sono il primo livello degli studi epidemiologici.
Stabiliscono una prima macro osservazione, che consente di generare un’ipotesi, da testare. Interpretando male le correlazioni potremmo associare moltissimi elementi, ma dobbiamo usare prudenza.

Quali danni può provocare l’inquinamento alla nostra salute?
Il tema dell’inquinamento è molto serio. È di per sé un fatto grave, associato a circa otto milioni di morti all’anno. Non ha nessuna necessità di essere assimilato alla pandemia per essere riconosciuto come problema. Determina un aggravamento delle condizioni
patologiche preesistenti, impatta sullo sviluppo neuro comportamentale dei bambini, è
connesso all’insorgenza di malattie cardiovascolari e respiratorie, e probabilmente gioca un
ruolo anche nell’obesità e nelle malattie metaboliche.

Come dobbiamo affrontare il futuro?
L’umanità sta cercando di inventarsi una soluzione. Sarebbe opportuno impegnarsi una volta per tutte a ridurre l’inquinamento atmosferico, soprattutto in aree come la Pianura Padana caratterizzate da condizioni climatiche che rendono l’inquinamento più persistente e i danni più severi. Non basta prendere misure emergenziali poco efficaci o lamentarsi del
problema. Bisogna attuare finalmente una politica ragionata, continuativa e strategica, con
obiettivi concreti.

ASCOLTA IL PODCAST

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Giulia Assogna
Biologa specializzata in Biodiversità e Gestione degli ecosistemi. Dopo lo studio in Spagna, un periodo di ricerca sul campo nella foresta brasiliana (Bahia) e un Master in Comunicazione della scienza, ora si occupa di giornalismo ambientale, ecologia, evoluzione e progressi biotecnologici. Collabora con La Nuova Ecologia, Le Scienze e Mind.

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto