sabato 28 Novembre 2020

L’inquinamento atmosferico riduce di 3 anni l’aspettativa di vita

inquinamento aria

L’inquinamento atmosferico riduce l’aspettativa di vita di quasi tre anni. A dirlo è una ricerca di cui dà notizia Science Focus, condotta da un gruppo di ricercatori del Centro medico universitario di Magonza, in Germania.

Secondo lo studio, nel 2015 questa sola forma di inquinamento ha causato 8,8 milioni di morti premature, facendo registrare una riduzione dell’aspettativa di vita media di 2,9 anni. Un dato che non può non far riflettere, specie se rapportato ai morti nello stesso anno per il fumo (7,2 milioni di vittime e riduzione dell’aspettativa di vita media di 2,2 anni), dall’Hiv (1 milione, 0,7 anni), da malattie causate da parassiti o insetti come la malaria (600.000 morti, 0,6 anni), o da tutte le forme di violenza, guerra compresa (530.000 vittime).

I ricercatori autori dello studio parlano pertanto di “pandemia di inquinamento atmosferico”, sottolineando che l’inquinamento dell’atmosfera è una delle cause principali di mortalità prematura poiché causa, tra le altre, anche malattie cardiovascolari. Nel mondo le aree maggiormente colpite da questa minaccia sono concentrate soprattutto nell’Asia orientale e meridionale. Mentre l’Australia è lo Stato in cui i tassi di mortalità dovuti a questa causa sono i più bassi.

Un modo per mitigare gli effetti di questo tipo di inquinamento comunque esiste: basterebbe eliminare le emissioni derivanti dallo sfruttamento di combustibili fossili per far aumentare di un anno l’aspettativa di vita media globale. 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,147FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”