venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Dall’Indonesia all’Italia e ritorno, il paradossale viaggio dell’olio di palma

Olio Di Palma Deforestazione

Il paradossale viaggio del biodiesel indonesiano potrebbe passare proprio dall’Italia. Olio di palma e derivati partono dalle piantagioni dell’Indonesia per arrivare fino alle bioraffinerie di Gela e di Porto Marghera. Potrebbero poi fare ritorno nuovamente in Indonesia sotto forma di biocarburante. È uno strano giro, ma non è esattamente quanto si intende per economia circolare.

Andrea Poggio, responsabile mobilità sostenibile e stili di vita di Legambiente, e Deborah Lapidus di Mighty Earth, l’organizzazione ambientalista americana in prima linea nella battaglia contro la deforestazione tropicale, hanno espresso una forte preoccupazione per l’accordo Eni-Pertamina del 30 gennaio 2019.  

L’accordo con l’azienda petrolifera di stato indonesiana prevede l’utilizzo delle strutture di bio-raffinazione italiane per produrre biodiesel da olio di palma destinato al mercato interno indonesiano. La partnership delle due aziende prevede anche un trasferimento di tecnologie e la costruzione di una bio-raffineria all’interno di un complesso già esistente in Indonesia.

Il significato di questo accordo deve essere compreso nel quadro delle misure prese dalla Commissione europea (Regolamento delegato UE 2019/807 13 marzo 2019) per porre fine ai sussidi pubblici attribuiti ad alcuni biocarburanti che, come l’olio di palma, stanno determinando un’ulteriore espansione delle aree agricole a danno di foreste, zone umide e torbiere, tutte aree ad alto stoccaggio di anidride carbonica. In particolare, uno studio finanziato dalla Commissione europea (The land use change impact of biofuels consumed in the EU) ha dimostrato che i biocarburanti da olio di palma, anche se certificati, provocano emissioni di carbonio tre volte superiori rispetto ai combustibili fossili. In questo contesto, il governo indonesiano ha deciso di compensare col mercato interno la mancata crescita che subirà l’esportazione dell’olio di palma.

Nel 2018, l’Indonesia ha stabilito di portare dal 20 al 30% la porzione di biodiesel da olio di palma contenuta nel diesel convenzionale e oggi conta di raggiungere il 50% per la fine del 2020. L’obiettivo sarebbe arrivare a produrre, entro il 2022, biodiesel composto al 100% da olio di palma da destinare esclusivamente al consumo nazionale. «Senza distruggere altre foreste? Speriamo, ma ne dubitiamo, purtroppo» – osserva Andrea Poggio.

Quanto a Mighty Earth, Deborah Lapidus sottolinea come questa rapida crescita del settore del biodiesel in Indonesia, che la collaborazione con Eni renderà possibile, rappresenti una grave minaccia per la sostenibilità dell’olio di palma. «Anche se siamo riusciti a convincere importanti multinazionali come Nestle e Unilever ad applicare standard di sostenibilità più elevati, vediamo in questo momento produttori senza scrupoli rivolgersi al mercato interno indonesiano. Lo sviluppo del biodiesel in Indonesia rischia di provocare un’ulteriore immissione nel mercato di olio di palma che non soddisfa alcun standard di sostenibilità ambientale e sociale. Abbiamo bisogno di tempo per ripulire il settore». Quanto a Eni, «collaborando con Pertamina – aggiunge Debora Lapidus – renderà possibile la creazione di una nuova fornitura senza precedenti di biodiesel prodotto a partire da olio di palma non sostenibile, rischiando di provocare un’importante espansione delle coltivazioni a scapito delle foreste e delle torbiere che rimangono».

Un primo calcolo effettuato dall’ONG World Resources Institute (WRI) Indonesia, sulla base delle statistiche esistenti, dimostra che le nuove politiche energetiche indonesiane determineranno un importante incremento nella richiesta di olio di palma e incoraggeranno il disboscamento di circa 7,2 milioni di ettari di foresta. A meno che non si trovi il modo per aumentare la produttività delle piantagioni esistenti.

Ricordiamo che l’Indonesia è fra i maggiori emettitori di gas ad effetto serra a livello mondiale proprio a causa della deforestazione e degli incendi che si sviluppano nelle torbiere essiccate e che le politiche adottate da questo Paese avranno un’influenza determinante sul cambiamento climatico in corso. Eni opera in Indonesia dal 2001 e ha attualmente un ampio portafoglio di asset in esplorazione, produzione e sviluppo. È inoltre il principale importatore di olio di palma in Italia. Oggi, nel nostro Paese, l’olio di palma viene utilizzato miscelato al gasolio (800 mila tonnellate circa) e persino per alimentare piccole centrali energetiche che producono elettricità e riscaldamento (quasi 200 mila tonnellate). Una beffa nei confronti di tutti i consumatori: quelli che si sforzano di evitarlo nei prodotti alimentari e cosmetici e quelli che lo utilizzano come combustibile, senza nemmeno saperlo.

Legambiente ha intrapreso un’importante campagna, dal nome “Un pieno di palle”, affinché anche in Italia, come in Norvegia e in Francia, si tolgano i sussidi di mercato ai biocarburanti da olio di palma contenuti nel diesel in quanto falsamente rinnovabili e ambientalmente dannosi.

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto