martedì 11 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Dall’India si vede l’Himalaya dopo 30 anni

Dalle città del nord dell’India si vede l’Himalaya, il sistema montuoso più elevato della Terra. Da Jalandhar, a 200 chilomentri di distanza, nello stato del Punjab, molti cittadini hanno postato sui social network foto panoramiche scattate dalle finestre di casa, per documentare l’insolito fenomeno ed esprimere la loro sorpresa. La notizia è riportata dal sito della CNN, che sottolinea come 85 città dell’India abbiano registrato un calo dell’inquinamento nelle ultime due settimane, e come solo a Nuova Delhi ci sia stata una diminuzione del 44% nei livelli di PM10.

“Per la prima volta in quasi 30 anni ho potuto vedere chiaramente l’Himalaya dalla finestra, grazie al lockdown dell’India che ha favorito l’abbassamento dell’inquinamento atmosferico. Semplicemente fantastico”, ha scritto un utente su Twitter. 

Il tutto è stato possibile grazie al deciso miglioramento della qualità dell’aria registrato nelle ultime settimane, dopo che l’India si è fermata per impedire la diffusione del Coronavirus.  L’India ospita 21 delle 30 aree urbane più inquinate al mondo. Ma ora l’intero Paese è stato bloccato: le industrie hanno chiuso, le grandi città si sono quasi svuotate, le auto sono rimaste ferme e le compagnie aeree hanno cancellato i voli. Il Primo Ministro Narendra Modi ha ordinato “un divieto totale di recarsi fuori dalle proprie case” e sono rimasti operativi solo servizi essenziali, tra cui quelli che forniscono acqua, elettricità, servizi sanitari, alimentari e servizi municipali.

Nel frattempo, le montagne dell’Himalaya sono deserte come non accadeva da tempo. L’accesso è vietato agli scalatori ormai da più di un mese.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Biciclette o ciclabilità? Una riflessione sul “bonus bici”

Il click day, le code davanti ai negozi e il collasso della filiera produttiva della bicicletta: una facile fotografia del bonus Mobilità 2020. Tra luci e ombre pur sempre il maggiore incentivo all’acquisto di biciclette mai attivato in Italia

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

Clima, le ondate di calore marine devastano gli ecosistemi

La "febbre" sta affliggendo gli oceani e il cambiamento climatico la sta peggiorando. Gli scienziati studiano per prevedere quando colpiranno

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Biciclette o ciclabilità? Una riflessione sul “bonus bici”

Il click day, le code davanti ai negozi e il collasso della filiera produttiva della bicicletta: una facile fotografia del bonus Mobilità 2020. Tra luci e ombre pur sempre il maggiore incentivo all’acquisto di biciclette mai attivato in Italia

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

Cave, in Italia 29 milioni di metri cubi di sabbia e ghiaia estratti all’anno

Sono 4.168 le autorizzate, 14.141 le dismesse o abbandonate. L'appello di Legambiente: “Ridurre il prelievo da cave accelerando nella direzione dell’economia circolare”. Oggi alle 15 in diretta streaming la presentazione del dossier Rapporto Cave 2021

Quando le auto elettriche costeranno meno?

Il report di Bloomberg New Energy Finance e Transport & Environment mostra come passare al 100% elettrico per auto e furgoni nuovi tra il 2030 e il 2035 è fattibile in tutti i Paesi dell'UE: tutto dipende dalle scelte che farà la politica

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"
Ridimensiona font
Contrasto