sabato 28 Novembre 2020

Dall’India si vede l’Himalaya dopo 30 anni

Dalle città del nord dell’India si vede l’Himalaya, il sistema montuoso più elevato della Terra. Da Jalandhar, a 200 chilomentri di distanza, nello stato del Punjab, molti cittadini hanno postato sui social network foto panoramiche scattate dalle finestre di casa, per documentare l’insolito fenomeno ed esprimere la loro sorpresa. La notizia è riportata dal sito della CNN, che sottolinea come 85 città dell’India abbiano registrato un calo dell’inquinamento nelle ultime due settimane, e come solo a Nuova Delhi ci sia stata una diminuzione del 44% nei livelli di PM10.

“Per la prima volta in quasi 30 anni ho potuto vedere chiaramente l’Himalaya dalla finestra, grazie al lockdown dell’India che ha favorito l’abbassamento dell’inquinamento atmosferico. Semplicemente fantastico”, ha scritto un utente su Twitter. 

Il tutto è stato possibile grazie al deciso miglioramento della qualità dell’aria registrato nelle ultime settimane, dopo che l’India si è fermata per impedire la diffusione del Coronavirus.  L’India ospita 21 delle 30 aree urbane più inquinate al mondo. Ma ora l’intero Paese è stato bloccato: le industrie hanno chiuso, le grandi città si sono quasi svuotate, le auto sono rimaste ferme e le compagnie aeree hanno cancellato i voli. Il Primo Ministro Narendra Modi ha ordinato “un divieto totale di recarsi fuori dalle proprie case” e sono rimasti operativi solo servizi essenziali, tra cui quelli che forniscono acqua, elettricità, servizi sanitari, alimentari e servizi municipali.

Nel frattempo, le montagne dell’Himalaya sono deserte come non accadeva da tempo. L’accesso è vietato agli scalatori ormai da più di un mese.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,147FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”