martedì 26 Gennaio 2021

India e Bangladesh in crisi tra Coronavirus e ciclone Amphan

 

foto di disagi a Calcutta per il ciclone Amphan
L’India e il vicino Bangladesh sono entrambi in situazioni critiche a causa dell’aumento dei contagi da Coronavirus. Il lockdown è ancora molto rigoroso e centinaia di rifugi pubblici, normalmente destinati alle emergenze climatiche, sono stati trasformati in centri per la quarantena. Ora, però, a rendere la situazione ancora più drammatica è arrivato il ciclone Amphan, con tutta la sua violenza.

Il ciclone si sta abbattendo su una regione vulnerabile e densamente popolata, vicino alla città indiana di Digha, sulla costa orientale, con raffiche di vento che spirano anche a 161 km/h. Questa settimana i meteorologi hanno definito Amphan, alimentato dalle calde acque del Golfo del Bengala, uno dei cicloni più potenti degli ultimi decenni. Si è schiantato contro la costa indiana poche ore fa, abbattendo alberi enormi e portando piogge devastanti, distruggendo barche, abitazioni, centraline energetiche. 22 i morti accertati finora. Il passaggio del super ciclone è una sfida difficile in una fase così delicata e già fortemente condizionata dalla pandemia. Le autorità locali sono state costrette ad attuare i piani di evacuazione per due milioni e mezzo di persone.

Migliaia di abitanti evacuati dalle loro case sono stati costrette a ripararsi nei rifugi, dove però la probabilità di contrarre il Covid-19 può essere molto elevata, a causa dell’affollamento. “Stiamo combattendo una guerra su due fronti” – ha confessato al New York Times Rajesh Pandit, ufficiale di polizia – Prima di tutto per evacuare i cittadini, che non vogliono abbandonare le proprie case per paura del virus, e poi per essere sicuri che non prendano l’infezione”.

Circa tre milioni di persone sono state già sistemate nei rifugi anti cicloni. Alcune di queste strutture sono enormi e possono contenerne fino a 5.000, ma altri sono ben più piccoli e già molto affollati. Le autorità hanno sgomberato anche scuole ed edifici governativi per ospitare altri 2 milioni di persone che ancora dovrebbero essere evacuate. “Molti non sono consapevoli dell’importanza del distanziamento sociale e delle regole igieniche necessarie”, ha detto Sharif-ul-Islam, un funzionario del governo del Bangladesh. “La nostra priorità è educare i cittadini e cercare di tenerli al sicuro”.

Rispetto a ieri, il ciclone si è indebolito, ma resta comunque una grave minaccia per Bangladesh e India. Anche la città di Calcutta è sulla traiettoria del ciclone, che dovrebbe approdare a terra entro la serata di oggi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Giulia Assogna
Biologa specializzata in Biodiversità e Gestione degli ecosistemi. Dopo lo studio in Spagna, un periodo di ricerca sul campo nella foresta brasiliana (Bahia) e un Master in Comunicazione della scienza, ora si occupa di giornalismo ambientale, ecologia, evoluzione e progressi biotecnologici. Collabora con La Nuova Ecologia, Le Scienze e Mind.

Articoli correlati

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

Amburgo, nell’ex centrale a carbone verrà prodotto idrogeno verde

Il piano prevede la conversione del polo di Moorburg, nell'area portuale della città, in un mega elettrolizzatore con una capacità pari a 100 megawatt da avviare a partire dal 2025. Nei prossimi anni la Germania investirà solo in questo settore nove miliardi di euro

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia