martedì 21 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

In Toscana si protegge la biodiversità in mare

La sostenibile crescita bluNon è soltanto la plastica ad essere un pericolo per l’ambiente, ma l’impatto antropico che ha ormai da anni modificato gli ambienti naturali.

Per questo motivo la Regione Toscana, attraverso i fondi FEAMP, fondi stanziati a favore del settore pesca, ha emanato un bando finalizzato alla protezione ed al ripristino della biodiversità e degli ecosistemi marini ed al miglioramento della gestione degli stock ittici.

La Cooperativa San Leopoldo, in collaborazione con  il Cibm Centro interuniversitario di biologia marina ed ecologia applicata “G. Bacci” di Livorno e con il C.i.r.s.pe., Centro italiano ricerche e studi per la pesca ha presentato un progetto finalizzato alla valutazione degli effetti sull’attività di pesca di aree e siti oggetto di regolamentazione in Toscana e all’elaborazione di proposte per piani di gestione.

Il progetto, che ha preso avvio nel mese di aprile nelle sue fasi di revisione delle informazioni già presenti, predisposizione e somministrazione di questionari presso le marinerie toscane, ha una durata di 10 mesi ed interessa l’intera area marina toscana con particolare riguardo a quelle zone di pesca in cui vi sono ambiti di tutela ambientale e/o relitti, aree di riproduzione delle specie acquatiche e che possono avvalersi di servizi comunali di raccolta e smaltimento dei rifiuti marini.

La raccolta dati consentirà di fornire un quadro completo ed aggiornato sulla situazione della pesca nelle aree soggette a regolamentazione e di poter formulare delle proposte gestionali, elaborate su base partecipativa, utili a garantire lo sfruttamento sostenibile delle risorse ittiche e la redditività dell’attività di pesca.

In Toscana sono infatti numerose le aree individuate per la protezione di habitat o specie marine, o per la protezione di specie ittiche dalla pesca, basti pensare alle aree marine del Parco dell’Arcipelago Toscano, l’Area marina protetta delle Secche della Meloria, l’area del Santuario dei Cetacei, oppure la Zona di tutela biologica “Argentario”, o i siti NATURA 2000, i Siti di importanza comunitaria (Sic) o le Zone di protezione speciale (Zps), istituite o in via di istituzione. In tutte queste aree la pesca è regolamentata, con differenti misure da zona a zona. E’ imprescindibile quindi mettere in atto un sistema gestionale che tenga in considerazione le esigenze e le peculiarità della pesca con quelle di tutela ambientale. È pertanto fondamentale che i pescatori siano pienamente coinvolti in questo processo, sfruttando le loro conoscenze per elaborare proposte operative.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Clima, Draghi: “Italia determinata ad affrontare l’emergenza”

L'intervento al Climate moment a New York: "Dobbiamo agire subito o non rimarremo sotto l'incremento di 1,5 °C"

Clima, il rapporto del Cmcc indica il futuro dell’Italia tra eventi estremi e siccità

I dati del Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici: aumento delle temperature di 2-5 °C entro il 2050. Incremento del rischio idrogeologico e perdite fino all’8% del Pil pro capite con nuove differenze socio-economiche tra Nord e Sud / Leggi il rapporto del CMCC

Buco dell’ozono, ora supera le dimensioni dell’Antartide

I dati di Copernicus: "Nel 2021 il buco dell'ozono è cresciuto considerevolmente ed è ora più grande del 75% se comparato alla stessa fase della stagione del 1979"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Parchi eolici italiani, online la prima guida turistica dedicata

Da Rivoli Veronese a Gibellina, undici gli impianti da scoprire con Legambiente attraverso una serie di itinerari tra percorsi ciclabili, borghi, arte e buona cucina diventati laboratori della transizione energetica

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Punta Campanella, nate 82 tartarughe marine sulla spiaggia di Maiori

Con questa schiusa, la conta dei nidi di Caretta caretta in Campania sale a quota 52. Un anno da record storico

Youth climate meeting, il diario della terza edizione

Giustizia sociale, comunicazione digitale, mobilità sostenibile e lotta alle fonti fossili. Riuniti oltre 250 volontari di Legambiente
Ridimensiona font
Contrasto