venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

In Toscana si protegge la biodiversità in mare

La sostenibile crescita bluNon è soltanto la plastica ad essere un pericolo per l’ambiente, ma l’impatto antropico che ha ormai da anni modificato gli ambienti naturali.

Per questo motivo la Regione Toscana, attraverso i fondi FEAMP, fondi stanziati a favore del settore pesca, ha emanato un bando finalizzato alla protezione ed al ripristino della biodiversità e degli ecosistemi marini ed al miglioramento della gestione degli stock ittici.

La Cooperativa San Leopoldo, in collaborazione con  il Cibm Centro interuniversitario di biologia marina ed ecologia applicata “G. Bacci” di Livorno e con il C.i.r.s.pe., Centro italiano ricerche e studi per la pesca ha presentato un progetto finalizzato alla valutazione degli effetti sull’attività di pesca di aree e siti oggetto di regolamentazione in Toscana e all’elaborazione di proposte per piani di gestione.

Il progetto, che ha preso avvio nel mese di aprile nelle sue fasi di revisione delle informazioni già presenti, predisposizione e somministrazione di questionari presso le marinerie toscane, ha una durata di 10 mesi ed interessa l’intera area marina toscana con particolare riguardo a quelle zone di pesca in cui vi sono ambiti di tutela ambientale e/o relitti, aree di riproduzione delle specie acquatiche e che possono avvalersi di servizi comunali di raccolta e smaltimento dei rifiuti marini.

La raccolta dati consentirà di fornire un quadro completo ed aggiornato sulla situazione della pesca nelle aree soggette a regolamentazione e di poter formulare delle proposte gestionali, elaborate su base partecipativa, utili a garantire lo sfruttamento sostenibile delle risorse ittiche e la redditività dell’attività di pesca.

In Toscana sono infatti numerose le aree individuate per la protezione di habitat o specie marine, o per la protezione di specie ittiche dalla pesca, basti pensare alle aree marine del Parco dell’Arcipelago Toscano, l’Area marina protetta delle Secche della Meloria, l’area del Santuario dei Cetacei, oppure la Zona di tutela biologica “Argentario”, o i siti NATURA 2000, i Siti di importanza comunitaria (Sic) o le Zone di protezione speciale (Zps), istituite o in via di istituzione. In tutte queste aree la pesca è regolamentata, con differenti misure da zona a zona. E’ imprescindibile quindi mettere in atto un sistema gestionale che tenga in considerazione le esigenze e le peculiarità della pesca con quelle di tutela ambientale. È pertanto fondamentale che i pescatori siano pienamente coinvolti in questo processo, sfruttando le loro conoscenze per elaborare proposte operative.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo
Ridimensiona font
Contrasto