martedì 15 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano spesso certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: “In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi”

A causa del dissesto idrogeologico a Realmonte (Ag) è crollata la “Grotta delle piscine”, denominata “la madonnina”. “Il proprietario dei terreni non sa esattamente quando è avvenuto – racconta Daniele Gucciardo presidente del Circolo di Legambiente Agrigento – Il genio civile è intervenuto per interdire le aree terrestri a rischio crollo”. Questa spiaggia, inibita alla balneazione poiché pericolosa, durante l’estate è presa d’assalto dai diportisti che la invadono. “Il crollo che ha interessato la grotta delle piscine a Realmonte rientra in processi naturali che vengono spesso accelerati dalle azioni antropiche, effettuate nell’entroterra e lungo la costa – spiega Claudia Casa direttrice di Legambiente Sicilia – Nel caso della spiaggia delle piscine di Realmonte, oltre all’azione meteo marina, va segnalata la presenza di piccoli valloni che drenano sulla spiaggia le acque provenienti dal promontorio, intaccando la falesia. È altresì presente una cavità naturale, scavata nella marna argillosa e nella sabbia calcarenitica. Le grotte tendono per loro natura, nel tempo, a progredire ed ingrandirsi anche per crolli successivi che comportano spesso l’innalzamento progressivo della volta.
Va quindi sottolineato che dissesti di questo tipo fanno parte delle naturali evoluzioni delle linee di costa e che gli occasionali crolli forniscono comunque materiale utile per il mantenimento degli arenili stessi; i depositi franosi, lungo le falesie costituiscono bacini di sedimenti che contribuiscono al naturale ripascimento delle spiagge, grazie all’azione delle dinamiche costiere che rielaborano e ridistribuiscono il materiale lungo il litorale”.
Il dissesto verificatosi a Realmonte, ad Ovest del promontorio di Capo Rossello, rientra in fenomeni naturali che interessano spesso tali tipologie di coste, fenomeni che  possono essere accelerati dalle cause antropiche. “In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino – conclude- avremo sempre di più a che fare, lungo tutti i tratti di costa, con tali dissesti”.
Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

Transizione energetica, creare valore per le persone e le comunità

È l'orizzonte che si pone la strategia di sostenibilità del Gruppo Maire Tecnimont. Individuati quattro macroaree di intervento e otto obiettivi prioritari per il 2025, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Le imprese green sono quelle che resistono di più alla crisi del Covid

Il 16% delle imprese eco-investitrici ha aumentato il proprio fatturato nell’ultimo anno. È il quadro che emerge alla fine del progetto Ecco - Economie Circolari di COmunità, promosso da Legambiente

Il rovescio dei reflui

In tre isole greche, e nella nostra Gorgona, si sperimentano sistemi per recuperare le sostanze nutritive delle acque di scarico. Per ridurre il danno ambientale e sviluppare l’economia

Mosaico Verde, messi a dimora 267mila alberi in 60 aree gestite da Comuni

Presentati il 9 giugno a Roma i risultati raggiunti dalla campagna nel triennio 2018-2021. Grazie ai nuovi alberi piantati si stima per i prossimi anni un assorbimento di circa 186.900 tonnellate di CO2
Ridimensiona font
Contrasto