giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

In Italia paghiamo l’1% in più il carburante per distruggere le foreste

immagine di un orango con una "pistola" puntata contro
È la legge italiana che sussidia i falsi carburanti green. La legge ammette aggiunta di olio di palma nel gasolio e concede ai petrolieri di scaricarne il costo sui consumatori, su tutti noi che facciamo il pieno. Ma le coltivazioni di olio di palma provocano in tutto il mondo deforestazione e perdita di biodiversità: l’Italia ha importato nel 2018 circa 500 mila tonnellate di olio di palma dall’Indonesia, dalla regione delle foreste del Borneo. Dove vivono popolazioni indigene e primati come gli oranghi. A sostenerlo sono rapporti ufficiali europei e dell’Onu. Ci hanno raccontato #unpienodipalle.

Eppure ci spacciano il “bio”-diesel come green e rinnovabile. E ce lo fanno pagare come tale: quanto? A spiegarcelo è lo stesso GSE, la società che per lo stato italiano controlla i consumi energetici italiani: 600 milioni all’anno, 16 euro ogni mille litri di carburante (benzina e diesel) acquistati dalla famiglia italiana. Circa l’1% del prezzo finale del carburante. E così noi diventiamo complici inconsapevoli di distruzione delle foreste, della migrazione dei popoli e dello sterminio di specie animali del mondo. “Non è solo un Sad (sussidio ambientalmente dannoso) – sostiene Legambiente – è anche un inganno!”

Non basta. Proprio a causa della distruzione di foreste, studi ufficiali della Commissione europea hanno appurato che ogni litro di olio di palma bruciato comporta emissioni di CO2 triple di un litro di gasolio. Un litro di olio di soia, il doppio. La ragione: perché si deve tener conto delle emissioni indiretto provocate dalla distruzione forestale. Quindi, l’olio di palma inquina di più del gasolio.

Contro la pubblicità ingannevole del biodiesel promosso in Italia, Legambiente, Movimento di Difesa del Cittadino hanno presentato segnalazione all’Autorità garante all’inizio dell’anno e stiamo attendendo giudizio finale. Ma si deve cambiare la legge, la legge che ci costringe a finanziare come bio, green e rinnovabile anche l’olio di palma e derivati di importazione dall’Indonesia. Ecco perché, se vuoi smettere di pagare la distruzione delle foreste del Borneo e dello sterminio degli oranghi e delle popolazioni indigene, firma la petizione indirizzata al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e ai ministri del suo governo per cambiare la legge:

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto