lunedì, Ottobre 26, 2020

In Iran un gruppo di scienziati e ambientalisti rischia la pena di morte

Le foto degli otto ambientalisti e scienziati che in Iran rischiano la pena di morte

In Iran otto tra scienziati, ambientalisti e studiosi di animali rischiano la pena di morte. L’accusa mossa nei loro confronti è di spionaggio e corruzione, capi di imputazione per i quali hanno già trascorso 13 mesi in prigione. Dietro le sbarre sono stati torturati, picchiati, drogati e tenuti in isolamento. Due settimane fa hanno avuto diritto a un processo e adesso stanno aspettando di sapere quale sarà il verdetto. Ma il timore, sempre più concreto, è che ad attenderli sarà un’esecuzione.

In questi mesi per chiedere la scarcerazione di queste persone si sono mosse diverse organizzazioni iraniane e internazionali, ma anche personalità famose. Tra le organizzazioni in prima linea c’è il Comitato iraniano per i diritti umani, mentre l’attore Leonardo Di Caprio ha rilanciato dal suo profilo Twitter una petizione affinché si rimettano in libertà questi studiosi.  

Finora famigliari e amici delle persone incarcerate hanno optato per un basso profilo nella speranza di ottenere clemenza dalle autorità iraniane. Una strategia che non ha portato ai risultati sperati, motivo per cui adesso è arrivato il momento di attirare l’attenzione di governi, media e ong di tutto il mondo sul caso. Serve insomma una pressione diplomatica che arrivi su Teheran da più parti. Altrimenti di queste otto persone tra qualche settimana probabilmente non si sentirà più parlare.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Elezioni Usa, Biden mette la questione climatica al centro della campagna elettorale

Una mossa inedita nelle presidenziali americane su cui il candidato democratico punta per sconfiggere il negazionista Trump. Ma nel suo Green new deal restano delle zone d'ombra, a cominciare dal sostegno al fracking per l'estrazione di gas e petrolio

Presentazione del terzo rapporto Osservatorio sisma Fillea e Legambiente

Il convegno online dell’Osservatorio nazionale per una ricostruzione di qualità

Obiettivo Sarno

Il lockdown gli aveva restituito trasparenza ma le acque del fiume campano, il più inquinato d’Europa, hanno ripreso a cambiare colore con la ripartenza delle attività industriali e agricole

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,899FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Elezioni Usa, Biden mette la questione climatica al centro della campagna elettorale

Una mossa inedita nelle presidenziali americane su cui il candidato democratico punta per sconfiggere il negazionista Trump. Ma nel suo Green new deal restano delle zone d'ombra, a cominciare dal sostegno al fracking per l'estrazione di gas e petrolio

Presentazione del terzo rapporto Osservatorio sisma Fillea e Legambiente

Il convegno online dell’Osservatorio nazionale per una ricostruzione di qualità

Obiettivo Sarno

Il lockdown gli aveva restituito trasparenza ma le acque del fiume campano, il più inquinato d’Europa, hanno ripreso a cambiare colore con la ripartenza delle attività industriali e agricole

Alla sorgente dell’ispirazione

Ungaretti, Pasolini, Visconti, Mazzacurati, Rossellini, De Santis. Alcuni artisti che hanno narrato i fiumi o ambientato sui corsi d’acqua i loro capolavori

Roma, sul Tevere e sull’Aniene le barriere dei rifiuti

Due strutture sul Tevere e sull’Aniene raccolgono i rifiuti dall’acqua e ne cambiano la destinazione. Non più il mare aperto, ma percorsi virtuosi di economia circolare