In India l’energia solare compete con il carbone

La centrale solare, costruita nel 2018 dall’India Acme Solar Holdings Ltd., sta producendo parte dell’energia più economica del mondo. Può generare 200 megawatt di elettricità, abbastanza per alimentare tutte le case di una città americana di medie dimensioni / Coronavirus, emissioni in calo in Cina

Cun'immagine della centrale solare di NikopolL’energia solare è entrata in una nuova era globale. L’industria dipendeva da molto tempo dai sussidi e dalle promozioni normative. Ora, l’innovazione tecnologica e il calo dei prezzi dei pannelli solari hanno reso l’energia solare abbastanza economica da competere da sola con altre fonti di carburante in alcune regioni, quando si tratta di impianti di nuova costruzione. In India la centrale a energia solare, costruita nel 2018 dall’India Acme Solar Holdings Ltd., sta producendo parte dell’energia più economica del mondo. Può generare 200 megawatt di elettricità, abbastanza per alimentare tutte le case di una città americana di medie dimensioni. Acme vende l’elettricità ai distributori per 2,44 rupie (3,4 centesimi) al chilowattora, un minimo storico per l’energia solare in India, un Paese che ha l’energia solare più economica al mondo.

L’energia costa meno in India rispetto al combustibile fossile più economico, il carbone, anche con i sussidi rimossi e il costo di costruzione e finanziamento calcolato. Le utility indiane attente al prezzo sono ansiose di aumentare la potenza energetica. “Siamo famosi per il basso costo”, afferma Sandeep Kashyap, presidente di Acme.

I governi di molti mercati solari, inclusa la Cina, la più grande, stanno gradualmente abbandonando o riducendo i sostegni. Lo sviluppo di impianti solari sta diventando mainstream, con finanziamenti forniti da investitori globali come Goldman Sachs Group Inc., fondo sovrano di Singapore, GIC e enormi fondi pensione e private equity occidentali.

Finora, la spinta delle energie rinnovabili non ha fermato la crescita delle emissioni globali di energia. Ma il successo di paesi come l’India nel soddisfare le crescenti richieste con energia pulita sarà ancora la chiave per arginare la crescita di sfide globali come l’inquinamento e i cambiamenti climatici.

Il prezzo in diminuzione nei pannelli solari e nell’energia che producono stanno scuotendo il settore. Nell’ultimo decennio, il solare è cresciuto da meno dell’1% della capacità di energia elettrica del mondo a circa il 9% entro la fine di quest’anno, secondo l’Agenzia internazionale dell’energia, un’organizzazione intergovernativa focalizzata sulla politica energetica. Entro il 2040, l’AIE prevede che cresca fino al 24%, il che renderebbe il solare la più grande fonte di energia singola.

L’India è in prima linea nella tendenza, con un costo di costruzione della capacità solare che è sceso dell’84% in otto anni, secondo l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili, un’organizzazione intergovernativa focalizzata sulle energie rinnovabili. Altri paesi sono vicini, con costi che calano rapidamente in Australia e Cina.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER