In bicicletta per i diritti delle donne, ritorna la Fancy women bike ride

Il 22 settembre, Giornata mondiale senz’auto, le donne di Milano, Roma, Torino, Genova, Padova, Verona, Trento, Monza e Ravenna saranno coinvolte nella settima edizione di un movimento che metterà in sella, contemporaneamente, le donne di 120 città in tutto il mondo

Fancy women bike rideUna pedalata «fancy»: fantasiosa, leggera e gioiosa. Il 22 settembre, Giornata mondiale senz’auto e conclusione della Settimana europea della Mobilità sostenibile, torna la “Fancy Women Bike Ride”. Le donne di Milano, Roma, Torino, Genova, Padova, Verona, Trento, Monza e Ravenna saranno coinvolte nella settima edizione di un movimento che metterà in sella, contemporaneamente, le donne di 120 città in tutto il mondo. Poche e semplici le regole, valide per tutte le città: le protagoniste devono vestirsi in modo colorato, esagerato, decorato e fantasioso; decorare la propria bicicletta; posare davanti ai fotografi. E infine, salutare i passanti con un sorriso durante la pedalata. Racconta Pinar Pinzuti, coordinatrice internazionale della Fancy Women Bike Ride: «Più donne usano la bicicletta, più donne saranno incoraggiate ad andare in bici perché questo è ciò che serve al nostro pianeta. Sappiamo che dobbiamo cambiare le nostre abitudini, perché non farlo in modo piacevole e festoso? Quale momento migliore per indossare quell’abito che tanto amiamo e che sta sempre nell’armadio per cui manca sempre l’occasione?». Nata a Izmir in Turchia nel 2013 da un gruppo di amiche, la Fancy Women Bike Ride ha contagiato in pochi anni 120 città usando il «semplice» passaparola. Ultima della lista delle città che hanno aderito è Teheran dove le donne locali stanno affrontando non pochi problemi burocratici nella parte organizzativa. Da Washington a Baku, passando per Rotterdam, Berlino, Lione, Edimburgo e Londra, il 22 settembre la Fancy Women Bike Ride porterà migliaia di donne in strada per pedalare assieme su un percorso breve e alla portata di tutte.