giovedì 22 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

In 117 anni aumento di oltre 1°C del mare a Trieste

Mar Di Trieste più caldo

In 117 anni, la temperatura superficiale del mare nel Golfo di Trieste è aumentata di oltre 1°C: all’inizio del Novecento la temperatura media annua era attorno ai 15°C, ora ha superato i 16°C. Ad affermarlo è uno studio appena pubblicato sulla rivista scientifica internazionale Earth System Science Data e realizzato da Fabio Raicich e Renato R. Colucci, entrambi dell’ISMAR-CNR (Istituto di Scienze Marine del Consiglio Nazionale delle Ricerche).

Si tratta della ricostruzione di una serie temporale di dati tra le più lunghe del Mediterraneo, basata sulle osservazioni effettuate nel porto di Trieste tra il 14 luglio 1899 e il dicembre 2015. Nello studio del clima, è fondamentale disporre di serie di dati il più possibile omogenee sul lungo periodo. Per quanto riguarda il mare, anche in aree costiere, è molto raro che si vada oltre alcune decadi: sta qui la specificità della lunga storia scientifica di Trieste, cominciata quando la città giuliana era il porto di Vienna, nell’impero asburgico.

Scrivono gli autori: «Anche se le misurazioni sono state effettuate vicino alla costa e, dunque, risentono di dinamiche naturali e antropiche locali, la notevole lunghezza della serie temporale fa sì che questi dati possano essere considerati indicatori del cambiamento climatico nel Mediterraneo settentrionale».

Le misurazioni consistono in due serie: la prima è una raccolta di dati analogici, ottenuti mediante misure di termometri, una o due volte al giorno, nei periodi 1899-1923 e 1934-2008. La seconda è costituita da dati digitali raccolti con termistori, strumenti utilizzati come sensori termici, su base oraria nel periodo 1986-2015. La descrizione dei siti e degli strumenti di osservazione è stata possibile grazie ai documenti storici presenti negli archivi dell’ISMAR. 

I dati saranno liberamente disponibili per la comunità scientifica e aggiungono un importante tassello alla conoscenza delle condizioni ambientali del Golfo di Trieste, del nord Adriatico e del Mediterraneo, dimostrando le variazioni climatiche occorse nell’ultimo secolo.

L’articolo in inglese, dal titolo A near-surface sea temperature time series from Trieste, northern Adriatic Sea (1899–2015), si può leggere liberamente al seguente link: .

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Protetto: QualEnergia marzo/aprile 2021

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA ATTIVA UN ABBONAMENTO ACQUISTA UNA COPIA SFOGLIA I NUMERI PRECEDENTI (FREE)

QualEnergia marzo/aprile 2021

ITALIA CLIMATE NEUTRAL 2050 FOCUS SUL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA   RISERVATA AGLI ABBONATI: CLICCARE QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA IN OMAGGIO PER TUTTI: CLICCARE QUI...

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto