giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Impianti solari: finanziamenti innovativi con AzzeroCO2 ed Ecomill

Alessandria impianti solari

AzzeroCO2, Energy Service Company (ESCo) nata per volontà di Legambiente e Kyoto Club, ed Ecomill, prima piattaforma italiana di equity crowdfunding per energia, ambiente e territorio, annunciano la loro partnership. AzzeroCOed Ecomill sviluppano in modo innovativo impianti da rinnovabili e interventi di efficienza energetica, grazie a campagne di equity crowdfunding che permettono raccolta di capitale per i progetti e il coinvolgimento di cittadini e territori, in particolar modo all’interno della campagna ‘Eternit Free’. 

La partnership nasce e sottolinea la sintonia e l’allineamento degli obiettivi delle due realtà. AzzeroCO2 supporta aziende ed enti pubblici nel migliorare la performance energetico-ambientaledi strutture, edifici, impianti e processi, proponendo un percorso personalizzato per la riduzione di consumi energetici e delle emissioni di CO2. Ecomill è una piattaforma di equity crowdfunding specializzata in investimenti sostenibili che facilita progetti con impatto ambientale positivo permettendo accesso al capitale ai progettisti e partecipazione di cittadini e imprese all’investimento.

Per questa prima fase, la partnership si concentrerà soprattutto sullo sviluppo e il finanziamento di impianti fotovoltaici su tetto, realizzati contestualmente alla rimozione eventuale dell’eternit o dell’amianto (Gruppo A-2 del decreto FER1). “Dal lancio della campagna Eternit Free nel 2009 – afferma Annalisa Corrado, coordinatrice della campagna – dopo la realizzazione di quasi 12 MW di fotovoltaico e la bonifica di oltre 100.000 mq di coperture, il nostro impegno per l’utilizzo di ogni strategia possibile per moltiplicare le esperienze di chi produce energia pulita laddove c’era una copertura in fibrocemento amianto non si è mai arrestata. Oggi, finalmente, sembra riaprirsi una opportunità di lavoro importante e vogliamo metterla a disposizione di più soggetti possibili, perché ognuno possa diventare protagonista del cambiamento del proprio territorio”.

“Siamo molto lieti di questa collaborazione con AzzeroCO2 per lo sviluppo e il finanziamento innovativo di impianti di produzione di energia pulita da fotovoltaico su tetti – concludono Chiara Candelise e Fabio Malanchini, partner Ecomill – Ci permetterà di offrire in piattaforma investimenti interessanti sia dal punto di vista economico che dell’impatto ambientale, e rappresenta un ulteriore passo a supporto della partecipazione di cittadini e territori alla transizione energetica.”

I partner del progetto

AzzeroCOè una società ESCO (Energy Service Company, certificata ISO 11352:2014), nata   nel 2004 per volontà di due grandi associazioni ambientaliste italiane, Legambiente e Kyoto Club: da 15 anni supporta aziende ed enti pubblici nel migliorare la loro performance energetica e ambientale.  Partendo dall’analisi dell’impatto di strutture, processi e servizi, AzzeroCO2 costruisce, per Aziende e per Enti Locali, strategie ad hoc finalizzate alla riduzione dei consumi e delle emissioni (attraverso interventi di efficientamento energetico, realizzazione di impianti a fonti rinnovabili, gestione virtuosa di risorse, rifiuti, mobilità), potendo seguire, da general contractor, ogni fase realizzativa. AzzeroCO2. propone, inoltre, la compensazione delle emissioni di COresidue attraverso la messa a dimora di alberi (che costituiscono boschi, infrastrutture verdi urbane, sistemi contro il dissesto idrogeologico etc) e, in collaborazione con i propri soci, promuove progetti di sostenibilità e responsabilità sociale d’impresa, attraverso campagne sul territorio nazionale che hanno l’obiettivo di sensibilizzare le comunità locali e supportare con ogni mezzo disponibile la riconversione energetica e la resilienza dei territori (tra le più attuali: “Mosaico Verde” e “Eternit Free”). Al fianco delle aziende, AzzeroCO2 realizza un’analisi del posizionamento delle diverse attività o brand in chiave sostenibile e supporta anche la comunicazione esterna e interna, in modo che il percorso personalizzato   intrapreso venga valorizzato in un’ottica di rafforzamento e/o ampliamento della propria quota di mercato, in relazione alla propria filiera e all’acquisizione di un vantaggio competitivo sui propri competitor.

Ecomill è la piattaforma di equity crowdfunding che permette a cittadini, famiglie ed aziende di diventare investitori e soci di imprese ad alto valore innovativo nel settore dell’energia, dell’ambiente e del territorio promuovendo sostenibilità e l’innovazione. Ecomill è una piattaforma specializzata in progetti e investimenti sostenibili, rappresentativa di una community e un network di attori che include investitori, imprese, istituzioni, finanza, associazioni e autorità locali operanti nel mondo della sostenibilità e dell’innovazione. Nel panorama del crowdfunding italiano Ecomill rappresenta un soggetto nuovo, e una opportunità di disintermediazione dei processi di investimento nel settore energetico e ambientale. Ai cittadini investitori Ecomill offre la possibilità di investire in modo diretto e disintermediato anche piccole somme di denaro in progetti, imprese e start-up nel settore energetico e ambientale. Consente di investire e contribuire allo sviluppo di progetti ad ampio potenziale ambientale e sociale, creando valore e beneficiando al tempo stesso di ritorni economici adeguati e con profilo di rischio contenuto. Ai promotori di progetti imprenditoriali Ecomill offre accesso a capitale, fornendo un canale innovativo e alternativo di finanziamento. Inoltre, garantisce la possibilità di coinvolgimento di cittadini, investitori e stakeholders locali. Ciò permette di ampliare il bacino dei potenziali investitori e permette di dare visibilità a progetti generando partecipazione nei territori e mercati di riferimento.  Ecomill si inserisce nel filone della disintermediazione dei prodotti finanziari, favorendo l’accesso a investimenti altrimenti non avvicinabili dal piccolo investitore.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto