domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

In Africa un migrante su quattro è un bambino

L'immagine di bambini che usufruiscono di un progetto Unicef in un villaggio in Africa

In occasione del vertice dell’Unione africana (Ua) di Addis Abeba del 10 e 11 febbraio, Unicef esorta i leader dei Paesi africani a lavorare insieme per la gestione della migrazione irregolare e per affrontare l’emergenza dei bambini sradicati in tutto il continente.

Secondo Unicef quasi un migrante su quattro in Africa è infatti un bambino, più del doppio della media globale. Inoltre, sono bambini il 59% dei  6,8 milioni di rifugiati nei Paesi africani. Almeno 13,5 milioni di bambini sradicati nel continente africano – con 6,5 milioni di migranti internazionali (compresi 4 milioni di rifugiati) e 7 milioni di sfollati interni – necessitano di azioni nazionali rafforzate e di una cooperazione regionale e internazionale tra Stati per difendere i loro diritti, preservarli e aiutarli a realizzare il loro potenziale.

“La maggior parte dei migranti africani si sposta all’interno dell’Africa, e mentre gran parte di questo movimento di persone è normale e regolare, le cause negative di fondo  rimangono i principali fattori dell’immigrazione irregolare in tutto il continente”, ha detto Henrietta Fore, direttore generale dell’Unicef. “Ogni giorno, i bambini e le famiglie vittime di violenza, povertà o delle devastazioni del cambiamento climatico prendono la dolorosa decisione di lasciare le loro case in cerca di sicurezza e di un futuro più promettente. Affrontare queste cause alla radice contribuirà a ridurre la necessità di lasciare le famiglie e i bambini”.

“In occasione del  vertice, i leader dell’Ua hanno l’enorme opportunità di mostrare al resto del mondo un modo migliore per rafforzare la protezione e il sostegno ai bambini sradicati”, ha proseguito Fore. “Alcuni paesi della regione hanno già fatto grandi passi avanti nell’attuazione delle linee guida nazionali per la protezione, investendo in alternative alla detenzione dei bambini, o approvando leggi per porre fine all’apolidia dei bambini sradicati e sostenere  i servizi di accesso per i bambini sradicati. Ora, abbiamo bisogno di vedere aumentati questi sforzi in tutto il continente attraverso investimenti e azioni concrete”.

L’Unicef sta inoltre esortando i governi dell’Ua a lavorare insieme per raccogliere e condividere dati  migliori, tempestivi e accessibili, disaggregati per età e sesso, che miglioreranno la comprensione di come la migrazione e lo sfollamento forzato colpiscono i bambini e le loro famiglie.

Per far sì che alcune delle buone pratiche che iniziano a registrarsi nel continente africano non rimangano isolate, Unicef chiede ai leader dell’Unione africana di avviare una serie di programmi condivisi che si pongano le seguenti priorità: proteggere i bambini che migrano a causa della violenza, degli abusi, dello sfruttamento e dlla tratta; rafforzare le risposte di protezione transnazionale; porre fine alla detenzione dei bambini per motivi di immigrazione; tenere unite le famiglie e dare ai bambini uno status legale; garantire l’istruzione  di ogni bambino migrante e sfollato e dare loro accesso alla salute e ad altri servizi di qualità senza discriminazioni basate sul loro status legale; affrontare le cause di fondo che sradicano i bambini dalle loro case; promuovere misure per combattere la xenofobia e l’emarginazione.

Solo trovando un accordo su questi punti il vertice di Addis Abeba avrà un senso concreto per aiutare concretamente i milioni di bambini che ogni giorno in Africa sono costretti a fuggire da guerre, persecuzioni e violenze. 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto