Ilva, Wind day oggi e domani. Legambiente: “Nessun impegno da commissari “

Secondo l’associazione mancano gli interventi nei giorni di forte vento da nord ad ovest. I problemi non avranno “fine sino alla copertura dei parchi minerali ed alla realizzazione delle altre misure previste già dall’Aia del 2012 per abbattere l’inquinamento prodotto dallo stabilimento siderurgico”

Ilva, Wind days

“Oggi è Wind day e sono 40 giorni che la richiesta di Legambiente ai Commissari Straordinari Ilva di adottare con urgenza nuove misure di mitigazione – compreso l’abbassamento dei cumuli di minerale e il loro arretramento – utili a ridurre il carico di polveri nocive che grava sulla città e in modo particolare sugli abitanti del quartiere Tamburi, sembra caduta nel vuoto”.
Lo afferma in un comunicato Legambiente Taranto lamentando la mancanza di interventi per fronteggiare i pericoli causati dallo sversamento di polveri dai parchi minerali Ilva in occasione dei Wind day, giorni di forte vento proveniente da nord ovest. Oggi e domani sono Wind day a Taranto e per ordinanza sindacale restano chiuse le scuole del rione Tamburi.

I problemi non avranno “fine sino – sottolinea Legambiente – alla copertura dei parchi minerali ed alla realizzazione delle altre misure previste già dall’Aia del 2012 per abbattere l’inquinamento prodotto dallo stabilimento siderurgico”.

L’associazione fa riferimento anche a un verbale di Ispra e Arpa Puglia in cui si precisa che “la bagnatura non copre la sommità dei cumuli di materie prime stoccate” e che si evidenzia quindi “la parziale inefficacia di una delle misure di mitigazione previste per abbattere lo spolverio”. “Ai commissari straordinari Ilva – conclude Legambiente – chiediamo impegni concreti. Chiediamo che chiariscano l’efficienza e l’efficacia del sistema di bagnatura e di filmatura. Chiediamo che dicano alla città se è in questi 40 giorni è stato fatto qualcosa o meno”