giovedì 23 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Ex Ilva, Legambiente: “Subito una road map per Taranto”

Intervento dell’associazione ambientalista all’indomani della sentenza del Consiglio di Stato che lascia in funzione l’area a caldo dello stabilimento siderurgico: “Il Governo batta un colpo, prioritario e urgente garantire l’assenza di rischi per la salute”

Legambiente interviene all’indomani della sentenza del Consiglio di Stato che lascia in funzione l’area a caldo dello stabilimento siderurgico di Taranto. “La prima cosa che il Governo dovrebbe fare è disporre un immediato aggiornamento della Valutazione Preventiva del Danno Sanitario recentemente effettuata da Arpa Puglia (che indica che la produzione autorizzata di 6 milioni di tonnellate, con gli impianti oggi in funzione, comporta rischi non accettabili per la salute) per stabilire su solide basi scientifiche se e quanto è possibile produrre utilizzando l’attuale assetto impiantistico, senza che ciò comporti rischi inaccettabili per la salute dei tarantini a partire dagli abitanti del quartiere Tamburi, il più prossimo e, quindi, il più esposto alle emissioni inquinanti dello stabilimento siderurgico – dichiarano Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente, Ruggero Ronzulli, presidente di Legambiente Puglia e Lunetta Franco, presidente di Legambiente Taranto “È questa la premessa obbligata per qualunque ragionamento sul futuro dello stabilimento ed è anche la più urgente alla luce dei danni alla salute  e dei morti provocati sinora dall’inquinamento prodotto dall’ex ILVA, attestato da innumerevoli studi, ultimo quello sulla pesante incidenza di alcune sostanze sulle capacità intellettive dei bambini residenti nel quartiere Tamburi: c’è bisogno, qui ed ora, di fissare la capacità produttiva massima al di sotto della soglia che l’aggiornamento della Valutazione dell’Impatto Sanitario  indicherà, in modo da garantire che nessuna vita in futuro sia più sacrificata sull’altare delle esigenze produttive” .

“La  seconda cosa che il Governo dovrebbe fare è sedersi attorno ad un tavolo con gli Enti locali e con le forze sociali  per costruire un Accordo di programma che gestisca la transizione in tempi certi e ragionevoli dalla attuale produzione di acciaio basata sul ciclo del carbone ad un futuro centrato sull’utilizzo in siderurgia dell’idrogeno verde, capace di garantire l’abbattimento non solo dell’inquinamento, ma anche delle emissioni di anidride carbonica, e che in Svezia è già al centro, insieme al progetto Hybrit, di H2GreenSteel, iniziativa che coinvolge anche finanziatori italiani e punta a produrre 5 milioni di tonnellate di acciaio con l’idrogeno entro il 2030.  Un futuro basato anche sulla bonifica dei suoli contaminati e del Mar Piccolo di Taranto, reale volano di una diversificazione produttiva capace di cancellare il ricatto occupazionale rappresentato dalla monocultura dell’acciaio, ma che continua a rimanere sostanzialmente inattuata pur in presenza di notevoli risorse finanziarie a disposizione sia dei Commissari straordinari di Ilva in a.s.  che del Commissario straordinario per la bonifica di Taranto – aggiungono Ciafani, Ronzulli e Franco – Ha ragione il Sindaco di Taranto a chiedere con forza l’Accordo di programma: esso rappresenta la cornice necessaria per coinvolgere i cittadini ed i lavoratori in un processo che non può essere gestito solo dall’alto, oltre a costituire una cartina di tornasole che misura la reale volontà dello Stato di portare a termine in tempi non biblici un processo di decarbonizzazione che, per ora, è presente solo negli annunci”.

“Sono passati 10 lunghissimi anni dalla prima A.I.A. – peraltro duramente contestata da Legambiente per le tante scelte pro-azienda in essa contenute, tanto da sembrare scritta sotto dettatura dei Riva – ma la promessa di  rendere la fabbrica compatibile col territorio continua a restare inattuata, così come ancora inattuate sono tante prescrizioni inserite nell’attuale Piano Ambientale, a partire da quelle che riguardano le cokerie, una delle principali fonti di emissioni nocive – concludono i rappresentanti di Legambiente – Il tempo è scaduto. Nessuno può pensare di chiedere ai tarantini di continuare ad avere fiducia nello Stato senza che, in tempi stretti, prenda corpo una Road Map per Taranto basata sulla trasparenza e sulle risultanze scientifiche, scandita da  impegni e scadenze precisi: il Governo batta un colpo, è già tardi”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto