venerdì, Ottobre 23, 2020

Ilva, incontro in Confindustria per la copertura parchi

foto di Taranto, Ilva

Il direttore tecnico e commerciale di Cimolai spa, Andrea Faggiani, ha incontrato gli imprenditori locali nella sede di Confindustria Taranto per illustrare il progetto di copertura dei parchi primari dell’Ilva, i cui lavori sono già partiti con le attività preliminari. Faggiani ha elencato i numeri della mega struttura, che una volta ultimata avrà una lunghezza di 700 metri e una larghezza di 254, per un investimento complessivo di 300 milioni di euro.

“Il progetto – spiega in una nota il presidente degliindustriali tarantini, Vincenzo Cesareo – prevederà opere di ogni ordine e tipo, quindi l’impiego di aziende di diversa tipologia e, mediamente, di duecento operai al giorno. Per Taranto e per le nostre aziende si tratta di un’opportunità che non ha precedenti e di una sfida da cogliere per la quale occorreranno professionalità, puntualità ed esperienza. La copertura dei parchi, oltre ad essere una struttura, per tipologia, unica al mondo, è anche e soprattutto l’emblema di una trasformazione radicale, necessaria e attesa da tutta una comunità”.

Per la realizzazione del progetto saranno utilizzate 60.000 tonnellate di acciaio, 200.000 metri cubi di calcestruzzo, 10.000 tonnellate di armature e 24.000 metri di pali di fondazione, per un totale di 700.000 metri quadrati di copertura. La consegna dei lavori dovrebbe avvenire a 24 mesi dall’avvio. Al termine dell’illustrazione, i titolari delle imprese presenti hanno formulato alcune domande in ordine alle modalità di esecuzione e alla tempistica dei lavori in programma.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,879FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

In Italia 598 Comuni rifiuti free, in crescita quelli del Sud

Legambiente premia i Comuni Ricicloni 2020. Il Nord Est guida la graduatoria grazie a porta a porta e tariffazione puntuale, con Veneto e Trentino Alto Adige le regioni più virtuose. In risalita il Meridione, mentre resta stabile l'andamento del Centro. I risultati dell'indagine

Recovery plan, “Un investimento per il futuro dei nostri figli”

Il sottosegretario del ministero dell’Ambiente Roberto Morassut indica la direzione prevista per i fondi in arrivo dalla Commissione europea. Tra le priorità gli impianti per la rigenerazione dei rifiuti, una maggiore applicazione del Gpp e l’emanazione di nuovi decreti End of waste