mercoledì 27 Gennaio 2021

Il rapido riscaldamento dei mari è una concausa delle morti massive di pesci in Israele

Negli ultimi anni, l’attenzione degli esperti di tutto il mondo è stata focalizzata su numerosi avvistamenti di carcasse di pesci morti per cause inspiegabili a largo delle coste di Israele.

Con il passare del tempo, grazie a una campagna di citizen-science avviata nel paese, sono state raccolte 427 carcasse appartenenti ad almeno 42 specie diverse di pesci. Sono state poi eseguite analisi su esemplari di otto specie e nella maggioranza dei casi è stata osservata una grave infezione causata da un batterio patogeno, Streptococcus iniae.

Sebbene questo agente patogeno sia onnipresente nei pesci in acque calde, un sistema immunitario sano di solito previene le infezioni debilitanti. Analisi climatiche contemporanee hanno rivelato poi che il tasso di riscaldamento delle acque – un aumento di 4,2°C in soli due giorni all’inizio di luglio scorso – è stato il più ripido registrato negli ultimi 32 anni.

In genere, gli eventi di mortalità di massa dei pesci all’indomani delle ondate di calore marine sono riconducibili a fattori quali la proliferazione di alghe tossiche o la privazione di ossigeno (ipossia), ma questa volta la responsabilità non è di un’ondata di calore, perché la temperatura dell’acqua non era eccezionalmente alta al momento delle analisi.

“Quello a cui assistiamo – ha spiegato Kurt Gamperl della Memorial University of Newfoundland, (Canada) – è l’insieme tra una sfida biotica (infezione batterica) e una abiotica (aumento della temperatura) che si sono verificate nello stesso momento. È possibile che l’infezione abbia debilitato gli animali e abbia abbassato la tolleranza termica dei pesci, e questo ha portato all’incremento del numero di morti“. In definitiva quindi, il riscaldamento costante e persistente delle acque è stato fatale per i pesci colpiti dall’infezione batterica.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Economia circolare, l’allarme delle imprese: “Manca una programmazione”

Il commento di Unirimap, Assorimap e Assofermet: “Basta ritardi. Servono subito anche 2,625 mld per puntare davvero sulla green economy”

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Economia circolare, l’allarme delle imprese: “Manca una programmazione”

Il commento di Unirimap, Assorimap e Assofermet: “Basta ritardi. Servono subito anche 2,625 mld per puntare davvero sulla green economy”

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca