martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Il rapido riscaldamento dei mari è una concausa delle morti massive di pesci in Israele

Negli ultimi anni, l’attenzione degli esperti di tutto il mondo è stata focalizzata su numerosi avvistamenti di carcasse di pesci morti per cause inspiegabili a largo delle coste di Israele.

Con il passare del tempo, grazie a una campagna di citizen-science avviata nel paese, sono state raccolte 427 carcasse appartenenti ad almeno 42 specie diverse di pesci. Sono state poi eseguite analisi su esemplari di otto specie e nella maggioranza dei casi è stata osservata una grave infezione causata da un batterio patogeno, Streptococcus iniae.

Sebbene questo agente patogeno sia onnipresente nei pesci in acque calde, un sistema immunitario sano di solito previene le infezioni debilitanti. Analisi climatiche contemporanee hanno rivelato poi che il tasso di riscaldamento delle acque – un aumento di 4,2°C in soli due giorni all’inizio di luglio scorso – è stato il più ripido registrato negli ultimi 32 anni.

In genere, gli eventi di mortalità di massa dei pesci all’indomani delle ondate di calore marine sono riconducibili a fattori quali la proliferazione di alghe tossiche o la privazione di ossigeno (ipossia), ma questa volta la responsabilità non è di un’ondata di calore, perché la temperatura dell’acqua non era eccezionalmente alta al momento delle analisi.

“Quello a cui assistiamo – ha spiegato Kurt Gamperl della Memorial University of Newfoundland, (Canada) – è l’insieme tra una sfida biotica (infezione batterica) e una abiotica (aumento della temperatura) che si sono verificate nello stesso momento. È possibile che l’infezione abbia debilitato gli animali e abbia abbassato la tolleranza termica dei pesci, e questo ha portato all’incremento del numero di morti“. In definitiva quindi, il riscaldamento costante e persistente delle acque è stato fatale per i pesci colpiti dall’infezione batterica.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto