giovedì, Ottobre 29, 2020

Il lago ex Snia sarà un monumento naturale

Ex Snia

Il 23 giugno la Commissione Agricoltura e ambiente del Consiglio regionale del Lazio ha dato parere favorevole alla firma definitiva che trasformerà l’area del Lago dell’Ex Snia-Viscosa in un Monumento Naturale. Adesso il decreto passerà al presidente della Regione Nicola Zingaretti per l’ultimo via libera.

Il decreto di istituzione del Monumento Naturale riguarderà per il momento la parte espropriata negli anni scorsi e che oggi comprende il lago e il parco. Entro il prossimo anno gli enti locali coinvolti dovranno valutare la possibilità di ampliamento del perimetro da tutelare. In un secondo momento verranno coinvolti anche i soggetti a cui fa riferimento la restante area privata, dove si trova un’ex fabbrica abbandonata da anni e per la quale è stato depositato un progetto edilizio.

Raggiunto dunque un obiettivo su cui si lavorava da sei anni, ovvero da quando, nell’agosto del 2014, al Consiglio regionale del Lazio era stato presentato un atto intitolato “Misure per l’apposizione del vincolo di monumento naturale all’area del Lago dell’ex Snia Viscosa”.

“Finalmente possiamo dire di aver messo un punto fermo contro le speculazioni che hanno tentato inutilmente di attaccare il patrimonio storico e naturale del Lago Bullicante”, scrivono i cittadini e gli attivisti del Forum del parco delle energie che chiedono che la tutela venga adesso estesa anche all’area privata, “ovvero il 40% della superficie totale”. “Mettere a sistema e vincolare una volta per tutte il grande patrimonio di aree verdi che grazie alle lotte degli abitanti per garantire il benessere, sono state strappate alla speculazione: Ex Snia, Parco Lineare di Roma Est, Parco archeologico tiburtino, Parco di Centocelle, Parco Somaini solo per citare alcune delle vertenze che vogliamo ricucire attraverso un percorso capace di liberare la città dal cemento con un processo di forestazione e realizzazione di una grande rete ecologica, un piano per spazzare via l’arroganza dei palazzinari con migliaia di alberi”. 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nel 2019 cinquanta banche hanno finanziato la perdita di biodiversità

Nel 2019 le 50 banche più potenti del pianeta hanno investito su imprese che con le loro attività stanno accelerando l'estinzione di specie animali e la sparizione di ecosistemi. Tra queste anche due istituti di credito italiani. La denuncia nel rapporto Bankrolling extinction del collettivo Portfolio Earth

Stop a oli di palma e di soia per usi energetici: arriva il Sì del Senato

Con il voto della Camera, l’Italia potrebbe essere il terzo paese europeo ad anticiparne la fine, imposta dall'Ue per il 2030

“Ripartiamo dall’acqua”, idee e proposte per l’Italia

Al 2° Forum sul servizio idrico integrato sostenibile Legambiente lancia 5 proposte con al centro riqualificazione, innovazione e investimenti strategici per il Sud. L'associazione: “Ecco il nostro progetto per fare del servizio idrico un pilastro del Piano nazionale di ripresa e resilienza” / GUARDA IL VIDEO DELL'INCONTRO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,911FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Nel 2019 cinquanta banche hanno finanziato la perdita di biodiversità

Nel 2019 le 50 banche più potenti del pianeta hanno investito su imprese che con le loro attività stanno accelerando l'estinzione di specie animali e la sparizione di ecosistemi. Tra queste anche due istituti di credito italiani. La denuncia nel rapporto Bankrolling extinction del collettivo Portfolio Earth

Stop a oli di palma e di soia per usi energetici: arriva il Sì del Senato

Con il voto della Camera, l’Italia potrebbe essere il terzo paese europeo ad anticiparne la fine, imposta dall'Ue per il 2030

“Ripartiamo dall’acqua”, idee e proposte per l’Italia

Al 2° Forum sul servizio idrico integrato sostenibile Legambiente lancia 5 proposte con al centro riqualificazione, innovazione e investimenti strategici per il Sud. L'associazione: “Ecco il nostro progetto per fare del servizio idrico un pilastro del Piano nazionale di ripresa e resilienza” / GUARDA IL VIDEO DELL'INCONTRO

Vaia, due anni dopo: gli alberi schiantati diventano l’edificio in legno più alto d’Italia

Un progetto di social housing a Rovereto: 9 piani per 29 metri, costruito con il prezioso legno degli alberi caduti, grazie al lavoro di aziende certificate PEFC e aderenti alla Filiera Solidale

Ciao Rita

Il Covid-19 ci ha portato via Rita Tiberi ed è un immenso dolore. È stata una colonna portante di Legambiente praticamente da sempre, in...