sabato 23 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Il caso della lupa di Potenza, Legambiente Basilicata: “Non si gestisce così la fauna protetta”

Il regionale dell’associazione ambientalista denuncia che nulla è stato fatto per scongiurare accoppiamenti dell’animale con cani domestici, da evitare per la tutela della specie: “Perchè il ministero dell’Ambiente non è intervenuto dopo la nostra denuncia?”

Continua a far discutere il video che ritrae a Potenza una lupa in accoppiamento con un cane , postato sul sito facebook dell’associazione Fuorisentiero e diffusosi rapidamente in rete. Una vicenda incresciosa su cui interviente, attraverso un comunicato stampa, Legambiente Basilicata che parla di “approssimazione di Regione Basilicata e Comune di Potenza” ma anche della “sostanziale assenza del ministero dell’Ambiente”, fattori che “hanno mortificato l’esigenza di una gestione corretta di un esemplare di specie protetta come il Canis lupus italicus di enorme importanza dal punto di vista conservazionistico”.

“Ricordiamo che lo scorso dicembre la lupa, che si aggirava già da diversi mesi nell’area urbana di Potenza, è stata catturata, in seguito ad ordinanza comunale, da tecnici del Dipartimento Ambiente della Regione Basilicata e posta in captivazione presso un canile municipale – spiega il regionale dell’associazione ambientalista – Come Legambiente sottolineò in quell’occasione, tali provvedimenti erano tutti impropri e non autorizzati, poiché l’ordinanza sindacale del Comune di Potenza non può essere considerato uno strumento di gestione faunistica e anzi costituisce un grave precedente in materia; la cattura da parte della Regione Basilicata, sebbene effettuata in area urbana, non era autorizzata, come prevede la legge, dal Ministero dell’Ambiente e non ha seguito i protocolli predisposti da Ispra; infine, la captivazione, sebbene temporanea, in un canile anziché in una struttura idonea dal punto di vista veterinario per una specie protetta, è stata una decisione quantomeno inopportuna. In seguito l’animale, come noto, dopo essere stato correttamente dotato di radiocollare per monitorare gli spostamenti, è stato liberato in ambiente naturale nel Bosco della Grancia a pochi chilometri dal capoluogo, ma solo dopo il rifiuto da parte del Parco dell’Appennino Lucano a ‘ospitare’ il lupo. Con una certa enfasi, comunque, la Regione Basilicata ha annunciato pubblicamente quello che avrebbe dovuto essere l’atto conclusivo della vicenda, se non fosse che meno di una settimana dopo, negli ultimi giorni del 2020, la lupa, come inequivocabilmente segnalato dal radiocollare, è ritornata a Potenza”.

Perchè il ministero dell’Ambiente non è adeguatamente intervenuto dopo la nostra denuncia e richiesta di intervento per ricondurre il monitoraggio e gli interventi per la gestione dell’animale nell’alveo della legalità e fuori dall’approssimazione messa in atto dal Comune e dalla Regione? – Legambiente Basilicata

E qui inizia la seconda parte di questa vicenda. “Constatato che l’animale preferisce frequentare ambienti urbani anziché quelli naturali – prosegue Legambiente Basilicata – negli ultimi tre mesi non è stato fatto nulla di ciò che era necessario fare. La lupa ha continuato, come prevedibile, ad aggirarsi in alcune zone della città notoriamente ‘ricche’ di rifiuti abbandonati in cui cercare cibo, ma soprattutto nulla è stato fatto per scongiurare le ibridazioni con cani domestici, assolutamente da evitare ai fini della tutela della specie, ma che puntualmente si sono verificate. Pertanto ora ci chiediamo perchè il ministero dell’Ambiente non sia adeguatamente intervenuto dopo la nostra denuncia e richiesta di intervento per ricondurre il monitoraggio e gli interventi per la gestione dell’animale nell’alveo della legalità e fuori dall’approssimazione messa in atto dal Comune e dalla Regione. E ci interroghiamo anche se e come il ministero abbia vigilato affinché la Regione operasse secondo la legge. Tutte domande che richiamano una evidente incapacità di gestire la situazione a tutti i livelli”.

“Adesso non c’è altro da fare che ristabilire subito le regole del protocollo. Il ministero dell’Ambiente deve attivare Ispra che deve intervenire a coordinare le operazioni. Così come fu fatto in un analogo caso a Otranto la scorsa estate dove, in tempi rapidi, Ispra mandò tecnici specializzati del Parco della Majella per la cattura e il trasporto presso un centro specializzato in Abruzzo”, conclude Legambiente Basilicata.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Verso G20 di Roma e Cop25, Legambiente: Legambiente: “Urgente accelerare il processo della transizione ecologica”

Per l’associazione servono più comunità energetiche, parchi eolici, economia circolare, mobilità elettrica, cicli produttivi che non consumano più fonti fossili. Il 23 ottobre nella capitale flash mob per richiamare l’attenzione dei leader politici

QualEnergia SETTEMBRE/OTTOBRE 2021

FOCUS KEY ENERGY 2021 Fiera internazionale del clima, rinnovabili, efficienza e mobilità; Rimini 26-29 ottobre RINNOVABILI CONTRO IL CARO BOLLETTE In vista della Cop26 accelerare sul contenimento...

Turismo sostenibile, investimenti da un milione di euro per la cooperativa Fairbnb

Grazie al supporto assicurato da Fondo Sviluppo, SEFEA Impact e Coopfond. Prenotando un alloggio su Fairbnb.coop chi viaggia ora avrà l'opportunità di contribuire alla campagna di crowdfunding “Alleva la speranza +”

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Verso G20 di Roma e Cop25, Legambiente: Legambiente: “Urgente accelerare il processo della transizione ecologica”

Per l’associazione servono più comunità energetiche, parchi eolici, economia circolare, mobilità elettrica, cicli produttivi che non consumano più fonti fossili. Il 23 ottobre nella capitale flash mob per richiamare l’attenzione dei leader politici

Turismo sostenibile, investimenti da un milione di euro per la cooperativa Fairbnb

Grazie al supporto assicurato da Fondo Sviluppo, SEFEA Impact e Coopfond. Prenotando un alloggio su Fairbnb.coop chi viaggia ora avrà l'opportunità di contribuire alla campagna di crowdfunding “Alleva la speranza +”

Borghi d’Italia, presentato in Senato un protocollo per valorizzare turismo e cultura

I principali obiettivi sono progetti di sviluppo sostenibile, coinvolgimento delle comunità e nuovi posti di lavoro. Tra le associazioni firmatarie anche Legambiente: "I territori siano centrali nella transizione ecologica e digitale e non restino al margine della scommessa del Pnrr"

Stadi e impianti sportivi in Italia, il 60% costruito prima del 1980

Dal mensile - In Italia ci sono circa centomila impianti sportivi, il 60% costruito prima del 1980. Riqualificarli, evitando nuovo cemento, è la tattica vincente. Per tutti

Giochi senza impatto

Dal mensile - I testimonial green prendono campo nello sport. E con “Ecoevents” anche le grandi manifestazioni diventeranno sostenibili
Ridimensiona font
Contrasto