martedì 1 Dicembre 2020

Il Cammina Italia Cai 2019 arriva in Sicilia

dettaglio di un paio di scarpe da trekking di un escursionista al cammino

Dopo le prime due tappe inaugurali della scorsa settimana in Sardegna, il “Cammina Italia CAI 2019” prosegue in Sicilia, proponendo tre escursioni giornaliere lungo altrettante tappe del Sentiero Italia CAI nella provincia di Palermo tra l’8 e il 10 marzo. Sarà presente il Vicepresidente generale del Club alpino italiano Antonio Montani.

Il “Cammina Italia CAI 2019” è la grande escursione a staffetta non continuativa che, fino a settembre, percorrerà una serie di tappe di tutte le regioni italiane del Sentiero Italia CAI, con il quale quest’anno il Club alpino italiano presenta l’itinerario escursionistico più lungo del mondo, 6880 km “di grande bellezza”.

Le escursioni siciliane porteranno i partecipanti, l’8 marzo, da Masseria Dammusi a Piana degli Albanesi, lungo un percorso di circa 13 km, con un dislivello di 720 metri in salita e 470 in discesa. Sarà percorso uno stradello, un sentiero e una strada asfaltata (livello di difficoltà E). Al termine dell’escursione si terrà un incontro con l’Amministrazione comunale di Piana degli Albanesi, per far conoscere le caratteristiche e le potenzialità turistiche del Sentiero Italia CAI, cui farà seguito una visita guidata delle principali chiese e del museo civico.

Il giorno successivo in programma la seconda tappa, da Masseria Rossella alla stazione di Ficuzza: si camminerà per 16 km circa (quasi cinque ore), con dislivello di 435 metri in salita e 400 in discesa, lungo sentieri e stradelle, accidentati in qualche punto (livello di difficoltà E). Una volta giunti a destinazione, è prevista una visita guidata della Casina Reale di Ficuzza: costruita alla fine del XVIII secolo per il re Ferdinando III di Borbone, fu da lui adibita a tenuta di caccia, prima di stabilirvisi per tre anni, dal 1810 al 1813.

Infine, domenica 10 marzo, a conclusione della staffetta, si camminerà per 13 km da Ficuzza a Cefalà Diana (circa tre ore e mezza il tempo di percorrenza), con 260 metri di dislivello positivo e 360 metri negativo (difficoltà E). Anche in questo caso, giunti a destinazione, gli staffettisti verranno ricevuti dall’Amministrazione Comunale, per visitare i “Bagni di Cefalà Diana”, le antiche terme arabe.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Protetto: Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO   COMPRA UNA COPIA CARTACEA O SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO GUARDA I NUMERI PRECEDENTI ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER  REGISTRATI SUL SITO

Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO LEGGI L'EDITORIALE DEL DIRETTORE FRANCESCO LOIACONO SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO -- ACQUISTA UNA COPIA GUARDA I NUMERI PRECEDENTI  

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,168FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Protetto: Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO   COMPRA UNA COPIA CARTACEA O SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO GUARDA I NUMERI PRECEDENTI ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER  REGISTRATI SUL SITO

Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO LEGGI L'EDITORIALE DEL DIRETTORE FRANCESCO LOIACONO SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO -- ACQUISTA UNA COPIA GUARDA I NUMERI PRECEDENTI  

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste